Vivere Dublino significa immergersi nelle atmosfere letterarie di James Joyce e Oscar Wilde, frequentare i locali tradizionali dove la gente vi accoglierà con calore e una generosa dose di allegria, visitare i parchi cittadini, passeggiare lungo il fiume Liffey e fare tardi la sera nei tanti pub che rendono il suo centro storico elettrizzante a tutte le ore del giorno e della notte. (altro…)


Dublino cosa vedere

Un tour attraverso la città di James Joyce, dall’aeroporto alle bellezze fuoriporta: Dublino è la porta verso un mondo magico e dal sapore antico.

L’Aeroporto internazionale di Dublino rappresenta una porta attraverso cui il viaggiatore può accedere alle meraviglie storiche e culturali dell’isola. Essendo il solo aeroporto che serve la capitale, il traffico aereo di passeggeri si concentra qui, insieme alle operazioni della maggior parte dei cargo commerciali. Si trova a Collinstown, una regione situata a circa 10 chilometri a nord del centro della città di Dublino. La compagnia nazionale irlandese è la Aer Lingus, classicamente rappresentata da un trifoglio, ma qui ha anche sede una delle maggiori compagnie aeree low cost europee: Ryanair.

Come raggiungere il centro di Dublino dall’aeroporto

Le rotte che portano all’aeroporto di Dublino sono diverse, sia a lungo che a medio raggio e sia attraverso vettori di linea che charter. Dal primo volo inaugurale Dublino-Liverpool, avvenuto nel gennaio del 1940, l’aeroporto di Dublino è stato ampliato più volte, fino a giungere ai giorni nostri, epoca in cui rappresenta la porta verso le bellezze di una terra verde come l’Irlanda.
Raggiungere il centro della città è infatti molto facile. Una volta raggiunto il terminal degli arrivi, basta scegliere uno dei diversi autobus che fanno la spola tra la capitale e l’aeroporto più volte al giorno, pagando comodamente in contanti. Esiste anche la possibilità di utilizzare il bus espresso aeroporto-centro città, rapidissimo e efficiente: le sue fermate sono infatti anche i punti di interesse cittadino. Parliamo di Temple Bar o Christ Church, ad esempio. In poco più di mezzora, qualsiasi sia il mezzo di trasporto prediletto, è possibile raggiungere il cuore della capitale e visitarne i luoghi storici più accattivanti.

Le cattedrali di Dublino

Cattedrale di San Patrizio - Dublino
La Cattedrale di San Patrizio

Uno di questi è la cattedrale di Cristo, o della Santissima Trinità. Si tratta di uno dei monumenti più amati di Dublino, simbolo della diocesi anglicana. Interessante sapere che la sua nascita risale al primissimo medioevo e fu voluta dal re vichingo conosciuto col nome di Barba di Seta, il quale si convertì al cristianesimo. Più volte ricostruita, oggi si può respirare nei suoi dintorni un’aura speciale. Un altro edificio religioso molto importante a Dublino è la Cattedrale di San Patrizio, protestante. Anch’essa di stampo medievale, la sua visita impegna qualche ora e lascia davvero senza fiato.

I luoghi di James Joyce

Dublino cosa vedere
Per le vie di Dublino

La città di James Joyce, oltre ad essere facilmente raggiungibile dall’aeroporto, è anche agevolmente visitabile a piedi. Il suo centro storico è infatti di dimensioni ridotte, anche se la sua attrazione principale è Temple Bar. La zona prende il nome dalla famiglia Temple, che l’abitava in tempi antichi. L’area è anche stato il ritrovo degli artisti irlandesi nel secolo XVIII e XIX, mentre attualmente rappresenta la prima scelta in quanto a divertimenti serali e notturni.

Cosa vedere a Dublino

Il Castello di Dublino
Il castello di Dublino

La storia è permeata in ogni angolo di Dublino, a partire dalla City Hall, partorita dalla mente dell’architetto Thomas Cooley. Qui la città è amministrata giorno dopo giorno dalla politica comunale, ma l’edificio è in realtà uno degli esempi meglio conservati della corrente architettonica nordeuropea del XVIII secolo.

Da non trascurare assolutamente il castello di Dublino. Il maniero sorge sulla sponda sud del fiume Liffey e qui per secoli gli inglesi hanno amministrato il territorio irlandese. La sua costruzione risale agli inizi del 1200 e fu voluta da Re Giovanni d’Inghilterra. Le sue quattro torri, il suo fossato e persino il suo caratteristico ponte levatoio originale oggi non esistono più. Fu infatti a causa di un incendio che alla fine del 1600 venne perduta la maggior parte del castello. Oggi è possibile ammirare ancora l’unica torre superstite, chiamata la Torre per gli Annali.
Qualsiasi sia la meta di un viaggio in Irlanda, Dublino è meta meravigliosa e quasi obbligata di un tour completo. Basta dunque lasciarsi l’aeroporto alle spalle grazie ai collegamenti che portano al centro città per partire verso un’avventura unica, fatta di luoghi storici e tradizioni antiche.

i castelli d'irlanda

Sono oltre 3000 i castelli disseminati per tutta l’Irlanda, dalle verdi brughiere dell’entroterra ai promontori a picco sul mare. Vediamo i castelli aperti al pubblico più suggestivi da includere assolutamente in un tour in Irlanda.

Dunluce Castle

Il castello di Dunluce Castle sorge sulla sommità di una scogliera basaltica nella punta nord ovest d’Irlanda. Dunluce incarna lo stereotipo del castello medievale tanto da essere stato scelto per due epopee di cinema fantasy: Le Cronache di Narnia e Il Trono di Spade. Il passato di questo castello è intriso di storia e leggenda. Ammirate lo splendido panorama che si gode dal promontorio su cui sorge, sospeso a metà tra mare, cielo e terra.

Tullynally Castle

Tullynally Castle

Costruito nel XVII secolo da Lady Georgiana, questo castello conserva pressocchè intatto l’impianto originale anche se nei giardini che lo circondano vengono regolarmente allestite nuove installazioni e spazi spesso stravaganti ed originali, da recinti per i lama a giardini tibetani. La Great Hall del castello, famosa per l’ottima acustica, viene usata sopratutto d’estate per eventi musicali.

Birr Castle

Ci spostiamo nel cuore d’Irlanda, tra le verdi brughiere che ne solcano l’entroterra per arrivare al Birr Castle, che vanta uno dei più bei giardini d’Irlanda con una grande varietà di fiori esotici e persino laghi e cascate dimora di una fauna varia tra cui aironi e lontre.

Blackrock Castle

Costruito per proteggere il porto di Cork dai pirati, questo castello si innalza su una roccia arenaria da cui è possibile tenere sotto controllo l’arrivo di navi dal mare aperto. Il castello è oggi sede del centro di ricerca astronomica di Cork.

Ballynahinch Castle

Entriamo nel Connemara, una delle regioni più caratteristiche d’Irlanda. Il castello di Ballynahinch (nella foto di testata – copyright Ballynahinch Castel Hotel) sorge in un territorio aspro e desolato, la quintessenza del paesaggio irlandese. che si presta a passeggiate a cavallo o a piedi. Il castello oggi ospita un hotel 4 stelle di grandissimo fascino con stanze  arredate con mobili d’epoca del 1700-1800 curate nei minimi dettagli. Un vero sogno a prezzi tutto sommato non impossibili, considerando che per un weekend di due notti con colazione e cena si spendono a partire da 250€ a persona. Immaginate di sedervi nella sala lettura, di fronte ad un camino d’epoca accesso ed ammirare il verde paesaggio irlandese fuori dalla finestra! Se sognate l’Irlanda, questo è uno dei modi più speciali per viverla!

Wild Atlantic Way Ireland
La Wild Atlantic Way in Irlanda è considerata una delle strade più belle e scenografiche d’Europa e del mondo. 2500 chilometri di panorami solitari, una lunga striscia d’asfalto che segue la selvaggia costa occidentale irlandese e regala scorci d’infinito tra brughiere e oceano. 
Visto la notevole estensione, molti decidono di percorrere solo un tratto della Wild Atlantic Way. Quello che vi proponiamo è un itinerario che fa base nella città di Galway e da lì conduce alla scoperta di alcuni dei luoghi più suggestivi della costa occidentale d’Irlanda, includendo anche una visita alle splendide isole Aran. 

Galway, il volto antico e nuovo d’Irlanda

Galway è una delle città più vivaci d’Irlanda, un misto di rilassatezza bohemienne e incontenibile energia. Si potrebbe definire la città del divertimento visto il ricco calendario di festival, concerti e feste tradizionali: Galway ha sempre qualche evento da offrire in qualsiasi stagione la si visiti!
Chiamata “City of Equals” per la felice convivenza di culture differenti, Galway è una piccola città dall’anima profondamente cosmopolita che manifesta la sua natura accogliente attraverso la babele di lingue che si sente per le sue strade e la splendida varietà di culture e stili che la animano. Galway rimane però fedele anche alle sue radici, ne sono testimonianza i tanti pub dove si suona musica tradizionale irlandese accompagnata dalla birra locale. 
La posizione della città lungo la Wild Atlantic Way la rende la base ideale per stupende escursioni in giornata,andando alla scoperta dell’omonima contea e delle vicine isole Aran . Scegliere di pernottare a Galway offre inoltre il vantaggio di approfittare dell’ampia scelta di sistemazioni disponibili in città e di godere della sua vivace vita serale.

Dai paesaggi lunari di Burren all’immensità delle Cliffs of Moher

Le Cliffs of Moher
Le Cliffs of Moher
Usciti dal centro cittadino si segue la Wild Atlantic Way verso sud in direzione Ballyvaughan, un grazioso villaggio con i caratteristici cottage dal tetto in paglia. Da qui si prosegue verso il Burren, la regione dal paesaggio lunare che prende il nome da una parola irlandese che significa “luogo roccioso”. Il Burren National Park conserva un patrimonio geologico di inestimabile valore, con diverse tipologie di rocce che si possono scoprire seguendo uno dei tour organizzati dalle guide esperte del centro visitatori.
Lasciato il parco si prosegue verso la città di Doolin, base perfetta per vedere l’attrazione forse più famosa di tutta l’Irlanda, le Cliffs of Moher. Con un’estensione di 8 chilometri ed un’altezza vertiginosa di oltre 200 metri, queste imponenti scogliere a picco sull’oceano sono la quintessenza del paesaggio irlandese: selvagge, immense, di una bellezza aspra ma ammaliante.
Percorrendo il sentiero sulla sommità si è costantemente accompagnati dal frastuono dell’oceano e dal fischio del vento che agita il manto d’erba e fa correre veloci le nuvole. 
Anche se camminare sulle scogliere è un momento di grande suggestione, il modo migliore per vederle è in realtà dal mare, da dove si possono ammirare in tutta la loro regale imponenza. In partenza da Doolin ci sono diverse crociere che conducono nei luoghi migliori per contemplarle e fotografarle.

Le Isole Aran, paesaggi fatti di silenzi

La brughiera irlandese
Basta poco più di un’ora di viaggio da Galway per raggiungere le Aran. I traghetti per le isole partono dal molo di Rossaveal, un piccolo villaggio con una forte vocazione marinara.
Le tre isole Aran si trovano della Baia di Galway e rappresentano l’ultimo avamposto ad ovest d’Europa prima della vastità dell’oceano che la separa dall’America. Le Aran sono una terra ricca di una natura selvaggia ed incontaminata, luogo perfetto per chi cerca silenzio e quiete. 
Inis Mor è l’isola maggiore con alcuni interessanti siti storici. Inis Meain è sede di produzione dei famosi maglioni Aran, esportati in tutto il mondo. Inis Oirr è l’isola più piccola, bastano 4 ore per percorrerne l’intero perimetro a piedi. Le Aran sono luoghi aspri, solitari, amati da scrittori ed artisti che qui trovano fonte di ispirazione e tranquillità e da tutti coloro che cercano un assaggio della vera, autentica, Irlanda rurale.


Paesaggio del Connemara

Connemara è sinonimo di Irlanda, la terra delle verdi brughiere e delle scogliere a picco sul mare, dei cieli plumbei che d’improvviso si aprono in voragini di blu. 

Ogni angolo del Connemara è una sorpresa, un nuovo palcoscenico all’aperto che si apre su spettacoli emozionanti tra terra e mare.  La stessa lingua che qui si parla, il gaelico, testimonia il sopravvivere di un’antica tradizione che non è stata scalfita dal vento di novità degli ultimi decenni.

La terra delle insenature

La parola Connemara significa in gaelico Insenature del Mare e non è un caso: la costa di questa regione nel nord-ovest d’Irlanda è un susseguirsi di baie, spiaggette e piccoli anfratti che si aprono tra le rocce delle scogliere. 
Seguendo il nervoso profilo della costa si giunge a Kilkieran Bay, che più che una baia assomiglia ad un labirinto: una serie di isolette collegate tra loro da pontili creano un intricato disegno astratto ed un paesaggio di originale bellezza, immerso nel silenzio e nella quiete. 
Il bello del Connemara è che non si è costretti a condividere la bellezza dei luoghi con molta gente, qui il turismo è diluito ed è facile ritrovarsi soli a cospetto dell’immensità dei paesaggi, cosa che amplifica a dismisura l’emozione che si prova.

La Renvyle Peninsula

Mare blu e e verdi tappeti erbosi fanno da cornice a questa zona del Connemara ancora poco frequentata. Lunghi arenili deserti di spiaggia bianca e distese di brughiere dove pascolano liberi pecore e graziosi pony sono il biglietto da visita di quest’angolo remoto d’Irlanda, lontano dai flussi turistici più consolidati e proprio per questo magicamente autentico.

La via del cielo

Proseguendo lungo la strada costiera si arriva a Clifden da cui inizia la Sky Road, un itinerario ad anello di 12 chilometri che attraversa paesaggi aspri e solitari, dove spesso non si incontra nessuno se non pecore (che spesso invadono la carreggiata, fate attenzione!). Per i più sportivi, il percorso si adatta anche alla bicicletta vista la breve durata e proprio la bicicletta diventa il mezzo migliore per immergersi completamente nei paesaggi.

Andar per brughiere

Lasciata la costa, seguendo la N59 ci si immerge nelle brughiere dell’entroterra. Il verde mantello erboso è interrotto da muretti a secco che rendono tutta la campagna un patchwork nei toni del verde e marrone, mentre i tanti specchi d’acqua riflettono il cielo irlandese carico di nuvole creando un effetto specchio che amplifica all’infinito la maestosità del paesaggio.
Attenzione alle strade, spesso molto strette proprio perché delimitate dai muretti a secco: optate per una macchina a noleggio di piccole dimensioni, vi risparmierà tanto sudore e manovre al limite del possibile!

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, si acconsente a questo. Per informazioni su come disabilitare i cookie, leggere l' Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi