Trieste è stata scelta per l'organizzazione dell' Esof 2020, l'EuroScience Open Forum

La manifestazione scientifica, che si tiene ogni due anni, ha come scopo il dibattito e la discussione di temi scientifici e l'analisi del rapporto tra scienza, tecnologia e società. Il capoluogo giuliano è stato scelto dai commissari europei di EuroScience tra tante illustre candidate, tra cui Leida e l'Aia che prenderanno il testimone per il 2022. [...]

Riserva Naturale Regionale sul fiume Stella

In una verde penisola abbracciata dalla Laguna di Marano e dal Mare Adriatico, Lignano Sabbiadoro si presenta come una lunga striscia dorata, otto chilometri di pura felicità declinata in una spiaggia ampia e solare, considerata una delle più belle della Riviera Adriatica e insignita dalla Bandiera Blu.

Acqua tutt'intorno


Lo scintillio dell'acqua che brilla alla luce del sole accende di allegria ogni momento trascorso a Lignano, perché è proprio l'acqua l'elemento che non solo disegna il territorio definendone i confini e gli orizzonti, ma crea anche infinite occasioni di divertimento. Windsurf, kitesurf, kayak, vela, persino wakeboard e parasail per i più acrobatici, sono alcuni dei tanti sport in cui è possibile cimentarsi, per riempire la vacanza di emozioni e adrenalina.
Se si preferiscono le attività più tranquille, meglio optare per un bel giro in bicicletta lungo i sentieri verdi che si inoltrano nella pineta o per una bella passeggiata in fat a bike sulla spiaggia alle prime luci del mattino, quando l'aria fresca è intrisa del profumo del mare.

Emozioni lagunari

Riserva Naturale Regionale sul fiume Stella
Navigando lungo il fiume Stella

Uno dei motivi per cui amo Lignano è il verde che la circonda, un particolare che la rende non solo una destinazione mare e spiaggia ma anche una meta perfetta in tutte le stagioni per stare a contatto con la natura. 
La Riserva Naturale Regionale sul fiume Stella è una delle escursioni più interessanti da fare in zona: a bordo di motonavi, accompagnati da qualificate guide ambientali, è possibile risalire il fiume e solcare le acque della laguna di Marano per fare sosta nel suggestivo villaggio di "casoni", le strutture in legno utilizzate dai pescatori, alcune delle quali sono allestite per ospitare pranzi e banchetti all'insegna dei sapori locali.
Un'altra meta interessante è Marano Lagunare, cittadina di origine romana a una trentina di chilometri da Lignano: fortezza veneta della Serenissima dal 1420 al 1797, la città conserva la struttura architettonica veneziana. 
Dal molo della cittadina si può prendere una delle motonavi che fanno servizio verso l'Isola delle Conchiglie, una barriera naturale che segna il confine tra il mare e la laguna, dove si può camminare lungo la spiaggia ancora vergine e assaporarne l'intatta bellezza.


Dove alloggiare a Lignano

La camera tripla dell'Hotel Orchidea
Quando visito le località della Riviera Adriatica, mi piace alloggiare nei piccoli hotel a gestione familiare, il modo più autentico di vivere questi luoghi che, pur essendo diventate località di mare alla moda, mantengono ancora viva la tradizione locale fatta di semplicità, simpatia e di sapori genuini. 
L'Hotel Orchidea si trova ad appena dieci minuti dall'ampia spiaggia di Lignano e a soli cinque minuti dal centro, in posizione tranquilla ma comoda per raggiungere in pochi passi il cuore del divertimento.
Proprio la gestione familiare dell'hotel garantisce attenzione e personalità nell'accoglienza e la cucina casalinga offre piatti genuini che fanno sentire subito a casa. 
Le luminose camere regalano ambienti di grande comfort, con ampi spazi e arredi moderni. Alcune hanno il soffitto rivestito di travi in legno che danno un ulteriore tocco di calore all'insieme.
Tutte le stanze dispongono di climatizzazione, TV Sat, wi-fi e terrazzino. 


Per info e prenotazioni


Hotel Orchidea
Via Latisana, 122
33054 Lignano Sabbiadoro (UD)
+39.0431.71558
+39.0431.71558




Avete mai pensato ad un soggiorno in una dimora storica, una di quelle ville signorili circondate da sontuosi giardini immerse nel verde della campagna? Oggi si può e il posto giusto per farlo è il Friuli Venezia Giulia!
Friuli in Villa è il marchio che raggruppa alcune delle più belle e antiche residenze del Friuli Venezia Giulia che hanno scelto la rete per mostrarsi e far conoscere i propri servizi. Queste antiche dimore offrono ospitalità per vacanze e week end ma anche ambienti raffinati perfette location per meeting ed eventi, o semplicemente piacevoli e interessanti luoghi per una gita fuori porta.

Tra le dimore che hanno scelto di aderire a Friuli in Villa ho avuto la fortuna di visitare Villa Manin Guerresco.   


La villa

Immersa nel dolce paesaggio della campagna friulana tra file di vigneti a pochi chilometri dalla famosa città di Palmanova, Villa Manin fu costruita tra la fine del Seicento e i primi del Settecento su commissione dei Manin, nobile famiglia veneziana che la utilizzò come casa di villeggiatura per il periodo della raccolta del grano. 
La struttura ricorda quella di un palazzo veneziano, in accordo con l'origine dei committenti e nella facciata, elegante e pulita, dominano due obelischi che all'epoca erano segno di distinzione riservati ai più alti servitori della Serenissima. L'interno è un tripudio di suggestivi affreschi a cui sono abbinati mobili dalle forme e dallo stile elegante e ricercato. 
Al piano nobile si trova il grande Salone Centrale, interamente affrescato, la Stanza della Musica abbellita da un caminetto, la Stanza di Apollo e Dafne la l'ampia cucina in tipico stile friulano dominata dal Folgar, il grande camino; al primo piano tre camere che possono accogliere gli ospiti, un salone e una piccola cucina. 


I giardini


A completare il quadro 10.000 mq di giardini dove è inserita una stupenda piscina, ideale per rilassarsi godendo della quiete del paesaggio.
Oltre ad essere perfetta per ricevimenti di matrimonio o eventi, la Villa è bella anche da visitare per immergersi nelle raffinate atmosfere dell'epoca della Serenissima, un viaggio nel tempo che riporta allo sfarzo della Venezia del '700.
L'idea di un soggiorno in villa diventa un'occasione unica per provare l'emozione di soggiornare in una dimora storica di pregio ma anche di vivere la campagna friulana in modo originale e unico, assaporandone bellezze e gusti.
Oltre che passeggiate tra i sontuosi giardini e rigeneranti nuotate in piscina, si possono organizzare anche gite in bicicletta per la campagna, gite a cavallo, gite in barca nella laguna di Grado e Marano, degustazioni di vini locali in aziende rinomate e tanto altro per un week end all'insegna del relax e dello stile!

Per le fotografie si ringrazia Friuli in Villa



B&B D'Autore: Città d'arte

L'Hotel Suite Inn è un piccolo hotel di design nel cuore di Udine, gestito “al femminile” e caratterizzato da una filosofia dell'ospitalità che fa leva sull'eccellenza del servizio e sui dettagli di stile.
Gli ospiti saranno accolti  da Chiara e Giuliana con la supervisione della signora Elvia, colei che ha avviato l’attività nell’87 per poi passare il testimone alle  più giovani risorse, responsabili delle diverse ristrutturazioni e del mantenimento oggi di un servizio di ospitalità attento ai comportamenti del cliente che cambia. Tante sono le coccole  e le piccole attenzioni che sono riservate durante il soggiorno a Udine.

Si parte dalla colazione, indubbiamente uno dei punti di forza del Suite Inn, preparata con prodotti biologici e a chilometro zero selezionati con cura sul territorio; ogni ospite – dal cliente business, allo sportivo, alla famiglia – potrà contare su proposte personalizzate che includono anche servizi sviluppati in convenzione con altre strutture sul territorio (dalle degustazioni in locali tipici, alla giornata sui campi da golf, all'ingresso nei musei e nei parchi tematici, alla possibilità di noleggio bici, comprese quelle “vintage” come la mitica Graziella!). La profumazione quotidiana degli ambienti dopo le pulizie accurate quotidiane è affidata ai profumi di un famoso maestro profumiere friulano , un tocco di fresca unicità “made in Friuli” come molto di quanto è contenuto fra le mura del Suite Inn, persone incluse.
L'Hotel Suite Inn è un ambiente “social”: il wifi gratuito per gli ospiti è quindi un must!

La struttura
Lo spirito di intraprendenza di questo team al femminile ha trasformato quella che un tempo era la casa di famiglia, addossata alle antiche mura che circondavano il centro storico di Udine, in una struttura dotata di grande personalità. La ristrutturazione ha rispettato le caratteristiche architettoniche dell'edificio originale (tra cui le travi a vista e la scalinata in legno) coniugandole sapientemente con il gusto moderno degli arredi e dei complementi.
L'Hotel dispone di tredici camere di diversa tipologia, arredate in modo unico. Al corpo centrale, nel 2011 sono stati aggiunti nuovi spazi ricavati nell'adiacente edificio “Q_Inn”, con 5 camere ulteriori accessibili con ascensore che interpretano la modernità in armonia con le scelte di un'ospitalità ricca di stile e calore e praticità e comodità per l’ospite.

La località: Udine e dintorni
L'Hotel Suite Inn si trova a pochi passi dal centro storico di Udine, un'elegante cittadina che indubbiamente colpisce per il fascino dei suoi antichi palazzi, per le ampie vie del centro, le grandi piazze bordate dai portici e lo stile “veneziano” che caratterizza – ad esempio – la bellissima Loggia del Lionello, dove oggi si trova il Municipio. Per ammirare la città in tutta la sua bellezza, si può salire sul colle del Castello, da cui nelle giornate limpide la vista può spaziare fino alle montagne.
Meta ideale per chi vuole vivere “slow”, Udine conquisterà gli amanti del buon cibo e del buon vino con i suoi tanti locali tipici, ma anche i maniaci dello shopping, con i suoi negozi e le botteghe artigiane che si affacciano da sotto i portici.
Udine ha anche un'intensa vita culturale, capace di richiamare migliaia di persone in occasione dei concerti o dei festival (Come il Far East Film Festival, dedicato al cinema orientale, che si tiene ogni anno ad aprile); tutto l'anno, i viaggiatori troveranno una ricca programmazione teatrale e soprattutto la possibilità di visitare i musei cittadini: Casa Cavazzini – museo di arte moderna e contemporanea – ma anche i Civici Musei di Storia e Arte Antica, e ancora il Museo Archeologico, la Galleria d'Arte Antica, la Galleria dei Disegni e delle Stampe e il Museo Friulano della Fotografia. Tra le ragioni di orgoglio udinese, non può poi certo mancare la figura del Tiepolo, i cui capolavori sono distribuiti in diverse location cittadine.
Udine è il punto di partenza ideale per partire alla scoperta del Friuli Venezia Giulia, visto che vi si trova al centro: in poco tempo potrete essere in collina, raggiungere le montagne oppure scendere fino al mare!
Dalle nostre parti si possono cambiare scenari velocemente, nello spazio tempo di 45 minuti!
Si può scegliere di vivere un giorno da Longobardi a Cividale del Friuli (a 20 min), cimentarsi con il mosaico nella scuola internazionale di Spilimbergo (30 min) o mettersi con il naso all’insù nel parco di Villa Manin a Codroipo per ammirare le prove in volo delle Frecce Tricolori cha hanno base lì (25 min) o chiedersi come Napoleone espugnò la città fortezza di Palmanova marciando sui bastioni (20 min) o ancora immergersi di poesia alla Casa delle Farfalle di Bordano (30 min) o dirigersi verso sud, al mare, in qualunque stagione!

Prezzi

camera matrimoniale a partire da euro 100.00
colazione buffet, wifi, parcheggio gratuito…e attenzione con sorriso inclusi!
Gratuità per bimbi in camera con genitori
Family room a partire da Euro 120.00
FVG CARD da 48 ore per accesso a tutta la rete museale del Friuli Venezia Giulia in hotel
Noleggio bici gratuito
Visite esclusive a Prosciuttificio in San Daniele del Friuli per la scoperta di Sua Maestà il Prosciutto di San Daniele su prenotazione anticipata.


Per info e prenotazioni www.hotelsuiteinn.it
Hotel Suite Inn
Via F. Di Toppo, 25
33100 Udine
Email: info@hotelsuiteinn.it
Tel: +39 0432 50 16 83






Castelli Aperti nasce con l'intento di facilitare l'accesso alle testimonianze storiche
rappresentate dai siti castellani e dalle opere fortificate del Friuli Venezia Giulia.
Affacciati sul golfo o posti su verdi colline, immersi in grandi parchi o al centro di città di cui
erano la dimora più prestigiosa, sorgono numerosi castelli privati.
L'iniziativa è rivolta a chi desidera scoprire alcuni dei castelli più belli della Regione, che dietro i loro portoni celano magnifici tesori: sontuosi giardini, saloni ricchi di arte, storia e memorie d'altri tempi.
Sulle antiche scale di affascinanti castelli medioevali, potete essere accolti personalmente dai proprietari, ciceroni d'eccezione, oppure da professionali guide turistiche; insieme a loro, ritornerete indietro nel tempo scoprendo un patrimonio storico finora nascosto.

In occasione della manifestazione il Consorzio per la Salvaguardia dei Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia ha deciso di indire un concorso fotografico.
Tutti coloro che si recheranno presso i siti castellani in occasione della manifestazione Castelli Aperti del 5 e 6 aprile 2014, avranno la possibilità di “postare” le proprie migliori fotografie, scattate agli “esterni dei castelli” aderenti alla manifestazione, nel profilo Instagram castelliapertifvg entro domenica 13 Aprile 2014.

Una giuria interna al Consorzio Castelli valuterà i tre migliori scatti che saranno decretati i vincitori del “Consorzio Fotografico Castelli Aperti”. Gli autori delle tre migliori fotografie saranno invitati, intorno ai primi di maggio, a visitare la sede del Consorzio Castelli, presso la Torre di Porta Aquileia a Udine e, in quell'occasione, verranno loro consegnati, in omaggio, una serie di volumi editati dal Consorzio Castelli.

Ecco l'elenco dei Castelli Aperti FVG Primavera 2014:

CASTELCOSA – Cosa di S. Giorgio della Richinvelda (PN)

Il borgo prende il nome dal corso d’acqua che scende da Travesio: il palazzo secentesco fu edificato dai conti di Spilimbergo e in seguito passato ai conti d’Attimis Maniago.
Probabilmente sorto sulle rovine di un preesistente fortilizio medievale, fu gravemente danneggiato durante la prima guerra mondiale.

Apertura: sabato pomeriggio e domenica

CASTELLO di CORDOVADO (Cordovado - PN)

Nato sulle basi di un “castrum” romano, era posto a guardia di un guado della via Augusta su un ramo, ora sconosciuto, del fiume Tagliamento. Ancor oggi le mura appaiono nella loro maestosità quasi completamente intatte racchiudendo al loro interno edifici risalenti al XIII e XIV secolo.

Apertura: sabato pomeriggio e domenica





Adagiato su una morbida collina ai piedi del fiume Tagliamento, tra dolci pendii e le trame create dallo scorrere del fiume, il piccolo centro di San Daniele è considerato una delle perle del Friuli e conosciuto a livello internazionale per la produzione dell'inconfondibile prosciutto, frutto di una tradizione millenaria e di condizioni ambientali uniche. Ma oltre che per la degustazione del prestigioso insaccato, la cittadina è una destinazione piacevole anche per una visita turistica grazie alle preziose opere architettoniche ed artistiche che custodisce.






Il giro turistico può iniziare dal centralissimo Duomo, che abbaglia con la sua bianca facciata d'ispirazione palladiana, per proseguire con la visita degli affreschi della Chiesa di San Antonio Abate: opera di Martino da Udine eseguita a più riprese tra il 1497 e il 1522, rappresenta il ciclo di affreschi più prezioso del Friuli tanto da far guadagnare alla chiesa l'appellativo di Sistina del Friuli. La facciata della chiesa, di gusto gotico veneziano, è in pietra d'Istria e presenta al centro un bel rosone con la Madonna e il Bambino.


San Daniele ospita anche una delle più prestigiose biblioteche d'Italia e la più antica del Friuli Venezia Giulia, la Biblioteca Guarneriana, che custodisce all'interno codici minati di inestimabile valore.

Percorrendo la centralissima Via Roma è possibile ammirare la Casa del Trecento, l'unica abitazione medievale originale rimasta all'interno del borgo. Al suo interno è ospitato un piccolo museo con reperti risalenti alla Prima e alla Seconda Guerra Mondiale.


Il Prosciutto di San Daniele




A concorrere all'unicità di questo prosciutto è la sinergia tra condizioni ambientali uniche, garantite dal territorio in cui viene prodotto, e una lunga tradizione di preparazione che partendo dai Celti prima e dai Romani poi, è arrivata immutata fino ai giorni nostri, facendo diventare il piccolo centro friulano sinonimo di prosciutto.


A garantirne le eccezionali proprietà organolettiche è un microclima ideale dato dall'aria fredda che arriva dal nord e quella calda che arriva dall'Adriatico, mixate dal fiume Tagliamento che fa da conduttore climatico naturale. A capire l'eccezionalità d queste condizioni e iniziare a sfruttarle furono prima i Celti e poi i Romani che intuirono come il buon arieggiamento e il clima pedemontano contribuissero a conservare e persino migliorare la carne. Fu così inventata la stagionatura che non è una semplice conservazione ma un processo molto più complesso che avviene grazie a fenomenoi esclusivamente naturali, con l'unica eccezione dell'aggiunta manuale del sale.

La salvaguardia del gusto e delle caratteristiche organolettiche del prosciutto è garantita dall'immutabilità di questo delicato processo e dall'utilizzo di specifiche materie prime: l'uso di maiali nati, allevati e macellati esclusivamente in Italia, metodi di allevamento che rispettano il benessere dell'animale e una dieta specifica per i suini basata su cereali e siero del latte.

Tutto questo, unico alla passione e dedizione di quasi 30 produttori locali, danno vita ad un prosciutto di qualità unica, dal colore e gusto inconfondibili.


Come riconoscere il prosciutto di San Daniele:


Il prosciutto di San Daniele si riconosce innanzitutto dallo zampino e dalla forma simile ad un violino.

La presenza dello zampino ha anche precise ragione tecniche: l'articolazione nella sua completezza agevola il drenaggio dell'umidità anche nelle posizioni più difficili.
Altro elemento distintivo del prosciutto di San Daniele è il colore rosso rosato e per finire il gusto, dolce e morbido, che si scioglie in bocca.