Chi mi segue sa quanto ami le Fiandre e le loro città-bomboniera, come amo definirle, tanto sono graziose e piacevoli da visitare.

Un’occasione per scoprire una delle gemme della regione è il prossimo Gent Light Festival, che si terrà dal 29 gennaio al 1 febbraio 2015.
Gent ha una lunga tradizione per quanto riguarda l’illuminazione urbana tanto da essersi guadagnata nel corso degli anni prestigiosi premi internazionali. Il piano di illuminazione della città è inserito nel contesto artistico diventando un elemento imprescindibile che deve armonizzarsi con il design urbano, fatto di eleganti residenze fiamminghe e giochi di riflessi sull’acqua.
Installazioni Gent Light Festival 

Le installazioni luminose temporanee allestite in occasione di feste e festival come il Gent Light Festival sono sapientemente dosate per ottenere un effetto armonico ma al contempo di forte impatto visivo, da ammirare naturalmente al calar della sera. In questo senso i mesi invernali, caratterizzati da lunghe ore di buio, esaltano le installazioni e fanno risplendere Gent di una magia speciale che si può apprezzare sin dal primo imbrunire.

Il Gent Light Festival sarà animato da installazioni, proiezioni e spettacoli inseriti in un percorso speciale che si dipanerà lungo le vie del centro storico  durante i quattro giorni di durata dell’evento.
Un percorso che mira al coinvolgimento emozionale dello spettatore per solleticarne l’immaginazione e portarlo alla partecipazione in prima persona. Un esempio? Una delle piazze medievali si trasformerà in uno spazio urbano futuristico al cui centro sarà posizionato un pianoforte che permetterà a chiunque lo voglia di creare il proprio light show! 
Ma le sorprese non finiscono qui! Sarà possibile ballare con la luce e persino il capolavoro d’arte fiamminga “Il Polittico dell’Agnello Mistico” di Van Dick, conservato a Gent, farà la sua apparizione “virtuale” per le strade della città.
Tanta magia e poesia quindi ma anche attenzione all’ambiente: Gent non smentisce la sua fama di città green optando per luci e proiettori rigorosamente a basso consumo uniti ad un sapiente programma di buio programmato per interi quartieri, così da mantenere inalterato il livello di consumo energetico usuale. Perché l’arte deve impreziosire il nostro pianeta ma anche proteggerne le risorse.
Vi ho convinti?! Non trovate che il Light Festival sia un’ottima occasione per organizzare un weekend a Gent?!
Per partecipare virtualmente all’evento sui social potete seguire gli hashtag: #lichtfestival #lichtfestivalgent
Photo Credits: Turismo Fiandre


Always on the move. It’s the first sentence I read on the boards introducing to the Red Star Line Museum, opened last September in Antwerp and dedicated to all those migrants who set sail from the city port to a new life .

People have always felt the need to move , to look for new places to live : an instinct that has sealed the fate of all mankind and wrote the story of generations.
The multitude of people that between the late XVIII century and early decades of the XIX came to Antwerp to leave Europe was moved by despair  coming from hunger , hard times and a stagnant agricultural economy that forced many  people to try their fortune elsewhere . I try to imagine the anguish of fathers and mothers forced to take their family across an immense ocean to an unknown world: the last hope before surrendering to a fate of hunger.

The journey these people had to face  began even before setting sail , leaving from Germany , Eastern Europe and Russia to arrive in Antwerp, with the money for the ticket of the crossing in third class .

These are the stories the museum tells , with great humanity and sensitivity , focusing on people, on their hopes and their dreams . A story told from the point of view of the most humble protagonists , a narration that tries to convey all the anguish but also the dignity and strength of those people.

The exhibition is housed within the historic warehouses of the Red Star Line , the shipping company that owned the ships that took this multitude of people on a journey across the ocean to Canada and the U.S. . The stores , which have remained unused for many years after the war marked the abrupt ending of migration, are an important heritage for the city , a symbol of that bridge to America that Antwerp represented for many years.

The aim of the museum is also requalifying these sotres as long as the port , making them modern multifunctional centres that house, together with the museum , temporary exhibitions and become melting pots for citizens and tourists.
In the large central hall I meet Luc Verheyen , the project manager, who tells me the long years passed collecting information on migrants and their stories, the hard times finding information on people and families , but also the joy when a story was finally tracked down.
Symbol of this research is the iconic image of a young girl sitting on a bench holding a Red Star Line ticket in her hands .

Luc tells how they long sought to trace the identity of the young girl spreading her photo everywhere: she’s supposed to be Kattyna Szysz , but there are no reliable data about her identity.
I look at her serious face that seems to get out of the photograph, her eyes conveying the great sense of uncertainty  in front of the journey into the unknown that she was about to undertake.
The exhibition faithfully reconstructs the steps that migrants had to face along the journey to a new life overseas. Each adventure began in a travel agency in their hometown , where a series of leaflets advertised America as the new Promised Land. Red Star Line’s posters are true works of art conveying the atmosphere of the times with the same power of modern images , even though relying only on drawings.

The route continues in one of the wooden train coaches in which migrants undertook the long journey to Antwerp, where they then stayed in filthy hotels waiting for their boarding pass .
It was just inside the premises of the Red Star Line where the most difficult steps began , with the first medical examinations that had to decree the qualification of passengers to travel. The check-ups were scrupulous because the other side of the Atlantic U.S. authorities rejected individuals who were not perfectly healthy , to prevent the spread of epidemics.
The exhibition continues in the changing rooms and showers where migrants, divided between women and men, passed : some original photos of the period are located in exactly the same spot where they were taken, creating a sort of thread between past and present  and an emotional connection with the migrants.
An entire section of the museum is dedicated to the meticulous reconstruction of the stories of six migrants , chosen to represent the two millions who passed through these premises .
Here I meet Ita , who in 1922 at the age of nine travelled to Ellis Island with her mother and three brothers to join her father. Arrived at destination , she was rejected because she had glaucoma , an eye infection which was rather common at that time.
She was thus forced to leave her family in America and get back to Antwerp where she remained one year, where she was taken care by as association of volunteers. The story repeated a second time when Ita was again rejected and forced to return to Europe. Reunification with the family occurred only five years later, in 1927 : I try to figure out the despair of her mother having to leave a little girl behind and the terror of Ita , alone with an ocean to separate her from her family.
I look at all those boards crammed with photos, handwritten letters and video interviews to the descendants of migrants and I understand how the arrival to America was not the end but the beginning of an odyssey that often ended yet before beginning, with a red stamp on the documents ” denied”. But even for those admitted , the arrival in the United States marked the beginning of a difficult journey in search of a job and a house, and a fortune that sometimes did not come, forcing many to return to Europe even poorer than before .
The exhibition continues in a room hosting a scale model of a ship , showing the beauty of these true engineering jewels. It is easy to understand how the crossing for 1st class passengers was much more comfortable than those of the third class , crammed into small cabins in the lower decks . Wealthy passengers could instead enjoy luxury cabins , dining rooms gleaming with porcelain and silver and magnificent bridges to walk outdoors.
The last part of the exhibition reconstructs the arrival at Ellis Island , the largest hub of all times where more than 12 million passengers passed through . It’s easy to imagine the anguish of migrants , exhausted by the trip and fearful of being rejected at the health checks. Ellis Island was by far the biggest obstacle of the entire journey , the rock against which many would see shattered all hopes of starting a new life .
In the last section the museum becomes heritage of the whole community , not just the city but whole Europe , inviting visitors to tell and share family stories of migration, searching the museum’s archives looking for names and traces of their passage here.
A collective story that affects everyone : Antwerp first and foremost , a community made ​​up of over one hundred nationalities , a symbol of multiculturalism and a crossroad since the Middle Ages; Europe , which saw many of its citizens exhausted from a life of misery and despair leaving everything behind to chase the unknown; the United States that on those hopes and despair laid the foundations of their modern history , ensuring to many people a new and prosperous life. Past history repeating in the new migrations today, again caused by an economic crisis that drives many , young and old , to move elsewhere .

Lives on the move, now as then. Migration is a timeless story.


Always on the move, sempre in movimento. E’ la prima frase delle bacheche introduttive del Red Star Line Museum, il museo inaugurato lo scorso settembre ad Anversa e che la città ha voluto dedicare a tutti quei migranti che proprio da questo porto si imbarcarono verso una nuova vita.

Da sempre l’uomo ha sentito l’esigenza di spostarsi, di cercare nuovi posti dove vivere: un istinto innato che ha segnato il destino dell’intera umanità e scritto la storia di generazioni.
La moltitudine di gente che tra la fine dell’800 e i primi decenni del 900 arrivò ad Anversa per lasciare il Vecchio Continente era mossa dalla disperazione, quella data dalla fame, da una vita di stenti e da un’economia agricola al ristagno che costringeva sempre più persone a cercare fortuna altrove. Provo ad immaginare l’angoscia di padri e madri costretti a portare la famiglia attraverso un oceano che allora doveva sembrare invalicabile, verso un mondo totalmente sconosciuto ed ignoto: un coraggio infinito frutto della disperazione più nera, l’ultima spiaggia prima di arrendersi ad un destino di fame e stenti.
Quello in cui si imbarcavano i migranti era un viaggio che iniziava ancora prima di salpare, partendo dalla Germania, dall’est Europa e dalla Russia per arrivare ad Anversa, con in tasca i soldi, raggranellati a fatica, per il biglietto della traversata in terza classe.

Sono queste storie, difficili e sofferte, che il museo narra, con grande umanità e delicatezza, mettendo al centro della storia la gente, le loro vicende, i loro sogni. Una storia raccontata dal punto di vista dei protagonisti più umili, una narrazione che cerca di restituire tutta l’angoscia ma anche la dignità e la forza della gente.
L’esposizione è allestita all’interno dei magazzini storici della Red Star Line, la compagnia di navigazione proprietaria delle navi che traghettarono questa moltitudine di genti in un viaggio attraverso l’Oceano fino alle sponde canadesi e statunitensi. I magazzini, rimasti inutilizzati per lunghi anni dopo che la Guerra segnò il brusco interrompersi delle migrazioni, sono un patrimonio importante per la città, simbolo di quel ponte verso l’America che Anversa rappresentò per molti anni.
L’intento del museo è anche recuperare questi spazi mettendoli al centro di un’opera di riqualificazione dell’aria portuale, rendendoli moderni centri polifunzionali che ospitano, oltre al museo, mostre temporanee e diventano ambienti di aggregazione per cittadini e turisti.
Nell’ampia sala centrale incontro Luc Verheyen, il capo progetto, che mi racconta i lunghi anni di lavoro impiegati a raccogliere informazioni sui migranti e le loro storie, la difficoltà nel reperire informazioni, rintracciare persone e familiari, ma anche la gioia quando una storia finalmente veniva ricostruita.
Emblema di queste ricerche è l’iconica immagine di una ragazzina seduta su una panca che tiene in mano un biglietto della Red Star Line.
Luc racconta di come abbiano a lungo cercato di risalire all’identità della giovane diffondendo la fotoun po’ ovunque: l’ipotesi più accreditata è che si tratti di Kattyna Szysz, ma non ci sono dati certi in merito alla sua identità.
Osservo il suo volto serio che sembra bucare la fotografia, quei suoi occhi grandi che raccontano il senso di smarrimento di fronte al viaggio verso l’ignoto che si apprestava ad intraprendere.
Il percorso espositivo ricostruisce fedelmente le tappe che i migranti dovevano affrontare nel lungo viaggio verso la nuova vita oltre oceano. Ogni avventura iniziava da un’agenzia viaggio nella loro città natale, dove una serie di volantini decantava l’America come la nuova Terra Promessa e pubblicizzava la traversata. I poster della Red Star Line sono vere opere d’arte che restituiscono il gusto e le atmosfere del tempo con la stessa potenza delle immagini moderne, pur potendo contare solo su disegni.
Il  percorso continua in uno dei vagoni ferroviari nei quali i migranti intraprendevano il lungo viaggio verso Anversa, dove soggiornavano in sudici hotel in attesa del lasciapassare all’imbarco.
Era proprio dentro ai locali della Red Star Line che iniziava l’iter più difficile, con le prime visite mediche atte a decretare l’idoneità dei passeggeri al viaggio. I controlli erano scrupolosi perché dall’altro lato dell’oceano le autorità statunitensi respingevano gli individui non perfettamente sani, per evitare il diffondersi di epidemie.
Lungo il percorso sono stati ricostruiti gli spogliatoi e le docce dove i migranti, divisi tra donne e uomini, transitavano: alcune foto originali dell’epoca sono situate esattamente nello stesso punto dove furono scattate, creando una sorta di file rouge  che trapassa il tempo ed unisce passato e presente, immergendo il visitatore nella dimensione di allora e creando un contatto emotivo con i protagonisti della storia.
Un’intera sezione del museo è dedicata alla ricostruzione meticolosa delle storie di sei migranti, scelti a rappresentanza dei due milioni che transitarono per questi ambienti.
E’ qui che “incontro” Ita, che nel 1922 all’età di nove anni si imbarcò per Ellis Island per raggiungere il padre assieme alla madre e ai tre fratelli. Arrivata a destinazione, fu respinta perché ammalata di glaucoma, un’infezione oculare allora molto diffusa.
Fu così costretta a lasciare la famiglia in America e ritornare ad Aversa dove rimase un anno in affidamento ad un’associazione di volontari. La storia si ripeté una seconda volta quando Ita di nuovo fu respinta e costretta a ritornare in Europa. Il ricongiungimento con la famiglia avvenne solo cinque anni dopo, nel 1927: provo ad immaginare l’angoscia della madre dovendo lasciare una bambina di nove anni e il terrore di Ita, sola con un oceano a separarla dalla famiglia.

E’ tra queste bacheche stipate di foto, lettere manoscritte e video con interviste ai discendenti dei migranti che capisco come l’arrivo in America non rappresentava la fine ma l’inizio di un’odissea, che spesso terminava ancora prima di poter iniziare, con un timbro rosso sui documenti “denied” a segnare la fine della speranza. Ma anche per gli ammessi, l’arrivo negli Stati Uniti segnava l’inizio di un difficile cammino alla ricerca di un lavoro e di una casa, e di una fortuna che a volte non arrivava, costringendo molti a tornare in Europa ancora più poveri di prima.
L’esposizione continua fino ad arrivare alle sale dove viene ricostruito il ponte di una delle navi della flotta e dove si può ammirare uno splendido esemplare in scala di una nave, che restituisce il senso di queste meraviglie dei mari, veri gioielli di ingegneria. Qui è facile capire come la traversata per i passeggeri di 1° classe fosse molto più confortevole di quelli di terza, stipati in anguste cabine nei ponti più bassi. I passeggeri più facoltosi potevano invece godere di ambienti lussuosi, sale ristoranti rilucenti di porcellane e argento e magnifici ponti dove passeggiare all’aria aperta.
L’ultima parte del percorso ricostruisce il momento dell’arrivo ad Ellis Island, il più grande centro di smistamento di tutti i tempi, da cui transitarono oltre 12 milioni di passeggeri. E’ facile immaginare l’angoscia dei migranti, stremati dal viaggio e timorosi di vedersi respinti ai lungi controlli sanitari condotti qui. Quello di Ellis Island era di sicuro l’ostacolo più grande dell’intera epopea, lo scoglio contro cui molti avrebbero visto infrangersi tutte le speranze di iniziare una nuova vita.
Nell’ultima sezione il museo diventa ancora di più patrimonio di tutta la comunità, non solo della città ma di tutta Europa, invitando i visitatori a raccontare e condividere le storia di migrazioni della loro famiglia, dando la possibilità di cercare negli archivi del museo nomi e tracce di un loro passaggio per questi ambienti.
Una storia collettiva che riguarda tutti: Anversa in primis, comunità formata da oltre cento nazionalità, simbolo della multiculturalità di una città fervente centro di scambi e crocevia di genti fin dal medioevo; storia d’Europa, che da qui vide partire molti dei suoi cittadini delusi e sfiniti da una vita di miseria e disperati al punto da lasciarsi tutto alle spalle per inseguire l’ignoto; storia d’America, di quegli Stati Uniti  che proprio su quella disperazione e quelle speranze gettarono le basi della loro storia moderna, assicurando a molti una nuova vita, più dignitosa e felice; storia passata che si ripete, nelle nuove migrazioni di oggi, dettate di nuovo da una crisi economica che spinge molti, giovani e meno giovani, a spostarsi altrove.

Vite in movimento, oggi come allora. Migration is a timeless story.

Quanto Anversa sia stata e sia tutt’ora un fervente centro culturale lo si percepisce dalla lista di musei che offre. Il dinamismo culturale della città fiamminga ha radici antiche e deriva dal continuo scambio di merci, genti ed idee che sin dal medioevo iniziarono a circolare grazie alla fervente attività del suo porto, già allora uno dei più grandi centri di scambio d’Europa.
La più grande città delle Fiandre espone nei suoi musei un mix di storia e avanguardia, in un continuo scambio tra eredità passata e tensione al futuro. Da centro dei commerci nel Cinquecento, ancora oggi la città è un polo industriale e manifatturiero importante,  grazie alla produzione dei diamanti, di cui detiene lo scettro di maggiore produttrice al mondo, a capitale della moda e centro delle nuove tendenze di design.
Non sorprende come la città abbia funzionato sin dal Cinquecento da calamita per artisti e intellettuali, attirati dal fermento di idee che vi circolavano e dalla possibilità di sperimentare nuovi stili senza avere il timore di essere rifiutati o giudicati.

Che siate amanti dell’arte fiamminga, appassionati di arte moderna, di design, di vestiti d’haute couture o alla ricerca di ispirazioni per le vostre creazioni, siete nel posto giusto, perché Anversa è la città delle idee.
E non c’è modo migliore per cercarle e capirle che visitare i suoi tanti musei.

Rubenshuis

Rubens scelse Anversa come sua dimora attirato anch’egli dalla fervente attività culturale ed artistica. Acquistò questa elegante dimora fiamminga nel 1611 e vi risiedette fino alla sua morte avvenuta nel 1640.
Qui il maestro visse con la sua famiglia e produsse le sue opere maggiori. La visita alla casa è un’occasione straordinaria per entrare nell’intimità della vita del maestro, capirne le abitudini e immaginarlo aggirarsi per le eleganti stanze ancora ammobiliate con pezzi del XVII secolo. La casa non era solo dimora e studio del pittore ma anche luogo di incontro di letterati e artisti oltre che di ricchi mercanti, nobili e diplomatici, i committenti del maestro, che qui venivano a controllare lo stato delle opere. Oltre alle tele di Rubens, sono esposti anche dipinti dei suoi allievi tra cui lo stesso Anthony Van Dyck.
Rubens acquistò la casa nel 1611 dopo otto anni di soggiorno in Italia, periodo in cui ebbe modo di assorbire i canoni dell’architettura italiana e farli propri, trasferendoli poi nel progetto di ristrutturazione della dimora che riprende lo stile dei grandi palazzi genovesi.
Particolarmente bello è il giardino situato nel cortile interno, adorno di piante e pensiline in ferro battuto, con il monumentale portico.
Rockoxhius
Una dimora del XVII secolo di Nicola Rockox  Il Giovane che l’acquistò nel 1603 convertendola in una lussuosa abitazione patrizia. La visita è un tuffo nelle atmosfere aristocratiche dell’epoca, eleganti stanze dove sono esposti mobili originali dell’epoca e preziosi dipinti di Rubens, Van Dick, Jordaens ed altri maestri fiamminghi.
Mo-mu – Museo della Moda
Nella capitale della moda non poteva certo mancare questo museo! L’esposizione è situata all’interno del Modenatie, un complesso che ospita oltre al museo, il Flanders Fashion Institute e l’Accademia Reale delle Belle Arti.
Uno spazio espositivo in continua evoluzione che viene rinnovato ogni sei mesi.
Um must per i fashion-addicted!
MAS – Museum an de Stroom
Con la sua architettura di grande impatto che si specchia sulla Schelda, il MAS fa parte dei piano di rivalorizzazione del quartiere portuale, ai limiti settentrionali della città; non a caso il bar del museo è già divenuto polo di attrazione e incontro tra i giovani.
La struttura si presenta come un’enorme torre di arenaria rossa e vetro che evoca un portacontainer, un concetto che crea un filo conduttore con il passato del luogo; questo quartiere, detto dell’isoletta, era un tempo il cuore del porto industriale, una zona di bassifondi con depositi sporchi, gru enormi e bar malfamati frequentati da marinai. Oggi tutto questo ha lasciato spazio a bar di tendenza, aree pedonali e un porto turistico, e il MAS si erge a simbolo di questa rinascita.
Lo stesso contenuto del museo lo lega al passato, dal momento che l’esposizione illustra la storia della città.
Museo Platin Moretus
Una straordinaria collezione di torchi da stampa del cinquecento, caratteri mobili e antichi libri stampati che lascerà senza parole gli amanti della materia. Il tutto allestito all’interno di una stupenda dimora storica che è essa stessa un museo, con mobili d’epoca, pareti rivestite in legno e pelle finemente decorata, oltre ad una magnifica biblioteca che profuma di carta antica, un tempio del sapere che lascia senza fiato.

La casa si trova in pieno centro storico a pochi minuti a piedi del Grote Markt.


Red Star Line Museum
Inaugurato a settembre 2013, il museo è allestito all’interno degli storici magazzini della Red Star Line, la compagnia di navigazione che tra fine ottocento e i primi del novecento trasportò oltre due milioni di migranti dalla vecchia europa al nuovo mondo, Canada e sopratutto Stati Uniti.
Il museo racconta con grande garbo e delicatezza la storia di alcuni di questi migranti, attraverso foto, testimonianze ed interviste ai loro discendenti. Un percorso emozionte e toccante nella vita di questa gente che con il loro coraggio, la forza della disperazione e della speranza lasciarono una vita di miseria alla spalle per un mondo di cui non sapevano nulla. Un’esperienza per me forte e coinvolgente che vi racconterò presto nei dettagli.



Il bus avanza silenzioso lungo l’autostrada quasi deserta che da Charleroi porta verso Bruxelles; fuori dal finestrino campagna e boschi si susseguono senza fine, i colori vivaci dell’autunno risaltano sul cielo grigio e scorrono veloci fino a diventare un caleidoscopio di sfumature di giallo e arancione che mi culla e mi fa scivolare in un sonno gentile. Scesa del bus mi ritrovo sul treno quasi senza accorgermene, un’altra mezz’ora che passa veloce mentre osservo le case in mattoni rossi e tetti spioventi che punteggiano la campagna; ed eccomi arrivata, Anversa è fuori ad aspettarmi.

La stazione Centrale è un preludio delle eleganti architetture cittadine, una vera cattedrale ferroviaria, come viene definita, che si esibisce in una sinfonia di marmi e vetri inseriti in maestose arcate. Arrivare in una stazione così da un sapore diverso al viaggio, mi domando quanto debba essere stato bello ad inizio del ‘900, quando la stazione fu costruita, tra treni a vapore, gentiluomini in abito scuro e signore con enormi cappelli. Oggi i passeggeri sono diversi ma la luce e l’atmosfera creata dalle arcate è la stessa di allora.
Mentre mi avvio lungo l’ampio viale che dalla stazione conduce in centro ripenso a tutto quanto ho letto su Anversa per prepararmi a questo viaggio.

Ho capito che Anversa è tante cose: città d’arte che esibisce stili architettonici diversi, da palazzi neo rinascimentali, rococò, art nouveau, chiese gotiche e strade medievali. Città che risplende dei suoi diamanti, famosi in tutto il pianeta, e delle vetrine dei tanti stilisti che proprio qui vengono a studiare e ad ispirarsi, attirati dall’atmosfera vivace e dalla lunga tradizione di design che ha fatto della città una delle capitali mondiali della moda.
Anversa è il suo porto, attivo fin dal medioevo, il secondo più grande d’Europa e centro mondiale di smistamento dei diamanti grezzi. Fu proprio il canale Schelda, che collega la città al mare, e il suo operoso porto a fare la fortuna della città, rendendola crocevia di merci, genti, idee, porta di accesso a nuovi mondi e luogo di pellegrinaggio per i due milioni di migranti che proprio qui, tra la fine dell’800 e gli inizi del ‘900 si lasciarono alle spalle la vecchia Europa per la promessa di una nuova vita in America.
Passeggio con il naso all’insù lungo il Meir, la strada per eccellenza della shopping cittadino, un’ampia via interamente pedonale su cui affacciano negozi e palazzi storici in diversi stili, dal neoclassico al rococò. E’ all’interno di uno dei palazzi più prestigiosi della via che si può ammirare la Stadfeestzaal, una grande sala cerimoniale degli inizi del XX secolo (poi ricostruita in seguito ad un incendio), che oggi ospita un centro commerciale. L’ambiente risplende degli stucchi dorati che rivestono l’enorme soffitto a botte, creando uno strano mix tra l’eleganza classica dell’ambiente e le vetrine moderne dei negozi.
Pochi passi ancora e in una delle vie laterali del Meir si trova la Rubenshuis, la casa di Rubens, il cittadino più illustre di Anversa assieme all’allievo Van Dick. In questa bellissima dimora fiamminga, oggi trasformata in museo, il maestro visse con la sua famiglia per quasi trent’anni e proprio qui produsse le sue opere più belle e famose. Visitare la casa è un’occasione unica per avvicinarsi all’uomo oltre che all’artista, approcciandolo in maniera intima ed umana, capendo di più l’estro e il genio di questo straordinario maestro.

E’ nel centro antico di Anversa che batte il suo cuore fiammingo, un intrico di viuzze acciottolate su cui affacciano caffè, brasseries e vetrine ricolme di cioccolatini. E’ qui che si apre la Grote Markt, la tipica piazza del mercato delle città nordiche, un magnifico salotto bordato di eleganti palazzi. Su un lato della piazza si erge il maestoso Municipio, un palazzo del XV secolo che unisce elementi fiamminghi allo stile rinascimentale; tutto intorno si ammirano i palazzi di arte e mestieri, simbolo dell’antica operosità della città; ogni corporazione esibisce sul tetto una statua d’oro che simboleggia il proprio mestiere: sul palazzo degli armatori troneggia un vascello a vele spiegate, a ricordare che l’anima della città è il suo porto e il suo commercio.
Al centro della piazza si ammira la fontana con il soldato romano Brabo, che secondo leggenda sconfisse il gigante Antigono e ne gettò la mano nella Schelda, liberando la città dai pesanti tributi che il gigante imponeva alle navi che transitavano lungo il canale; fu proprio quella mano gettata, “hand werpen” in fiammingo, a dare il nome alla città e che oggi si ritrova nella stemma e persino nei cioccolatini e biscotti fatti a forma di mano che oggi adornano le vetrine del centro, gli Antwerp Hands.

Poco distante la Cattedrale di Nostra Signora è un capolavoro di stile gotico, una sinfonia di marmi e vetri scolpiti dalla luce che penetra attraverso le immense vetrate colorate. L’interno è un museo che espone enormi pale dipinte opera di vari artisti fiamminghi, tra cui lo stesso Rubens, di cui si può ammirare una toccante Deposizione.
Come molte cattedrali gotiche, l’atmosfera rarefatta all’interno induce alla contemplazione, e le arcate che sembrano arrampicarsi in cielo restituiscono un senso di leggerezza e leggiadria, a dispetto delle dimensioni enormi. E’ bello sedersi qualche minuto nella quieta penombra delle sue colonne, per assaporarne il silenzio e restare a contemplarne la bellezza senza tempo.
Usciti dalla cattedrale, si può continuare a camminare lungo le strette viuzze che si intrufolano dietro la Grote Markt, un gomitolo di strade ravvivate dai mattoni rossi e gli infissi bianchi delle case e animate dagli immancabili caffè e ristoranti, dove assaporare un piatto di moules et frites accompagnato dalla birra belga, altro orgoglio nazionale.
Fuori dal cuore medievale, Anversa sorprende con la sottile eleganza del quartiere latino e della moda, un susseguirsi di boutique patinate di tutte le più grandi firme internazionali, un turbinio di capi ricercati e raffinati, di scarpe di ogni forma e modello, da far girare la testa anche ai meno avvezzi allo shopping. Passeggiando con il naso incollato alle vetrine capisco perché la città sia definita capitale della moda e respirandone l’atmosfera rilassata e vivace comprendo come i tanti stilisti vengano proprio qui a studiare e a farsi ispirare, consapevoli di come ogni loro nuova idea troverà spazio ed ossigeno in questa vibrante città che sa guardare al futuro, senza mai dimenticare di imparare dal proprio passato.
Impossibile lasciare Anversa senza visitare la zona lungo il canale Schelda, oggetto negli ultimi anni di una sapiente opera di rivalutazione urbanistica che l’ha vista trasformarsi in un quartiere di tendenza. E’ qui che si trova il MAS, Museum An der Stroom, l’impressionante torre di arenaria rossa e vetro che all’interno racconta la storia della città e le relazioni tessute con il resto del mondo attraverso il fiume ed il suo porto, mostrando come Anversa stessa, fervente stazione di scambi già nel medioevo, sia culla di quella globalizzazione che ha cambiato il mondo moderno. Poco distante c’è il FelixPakhuis, un vecchio magazzino merci del XIX secolo oggi trasformato in spazio polivalente con caffè e ristoranti: una passeggiata all’interno dell’impressionante cortile centrale, attorniato da enormi mura di mattoni bianchi, da l’idea della capacità di questa città di reinventarsi e recuperare spazi urbani mettendoli a servizio della comunità.
E’ in questa zona che si trova il nuovo Red Star Line Museum, il museo che racconta con grande delicatezza e garbo la storia della moltitudine di genti che arrivò ad Anversa da tutta Europa per salpare verso nuovi sogni e speranze. Un altro pezzo importante della sua storia che la città ha voluto e saputo recuperare, consapevole che solo rivalutando e capendo il passato si può costruire il futuro.
E’ questa storia, come molte altre che si possono ripercorrere lungo le vie di Anversa, che vi voglio raccontare nei prossimi post. Stay tuned!

Credits Giunta Filippo


Per #GenovAnversa, la nostra inviata Emanuela è andata alla ricerca delle tracce fiamminghe ancora visibili a Genova, e qui ce ne racconta la bellezza e l’importanza per la storia e la cultura della città.

Ero sicura di conoscere abbastanza bene la mia città, in fondo la giro in lungo e largo praticamente da tutta la vita, eppure ancora una volta Genova mi ha stupita. Grazie al progetto di Turismo Fiandre (quiSilvia spiega perfettamente di cosa si tratta) ho infatti scoperto che un tempo la “Superba” era un polo importante di scambi commerciali ed era attivissima in campo finanziario e culturale. Purtroppo la situazione attuale è abbastanza diversa e credo che si faccia ancora poco per rendere Genova un luogo “appetibile” turisticamente, tuttavia iniziative come questa sono importantissime per far conoscere di più la città, anche al di fuori dei confini nazionali. Ma quali furono i rapporti tra Anversa e Genova? Esistono ancora tracce degli artisti fiamminghi nella mia città? Scopriamolo insieme.
Credits Wikipedia
I primi contatti sono puramente commerciali, le opere d’arte vengono considerate solo un mezzo di guadagno. Con l’ascesa al potere di Filippo l’Ardito duca di Borgogna invece le cose iniziano a cambiare: affascinati dagli splendidi arazzi, tappeti e quadri della cultura borgognona i genovesi cominciano a pensare che possedere tali oggetti potesse essere un ottimo modo per elevarsi ed affermarsi socialmente. Non a caso molte di queste opere d’arte furono commissionate da importanti famiglie genovesi: Doria, Spinola o i Fieschi. Estremamente apprezzati erano anche i libri d’oro miniati, come ad esempio “Le storie di Curzio Rufo” (Biblioteca Universitaria di Genova).
Annunciazione- Santa Maria di Castello, Genova
Secondo l’umanista Bartolomeo Facio il mondo genovese apprezzava la pittura fiamminga principalmente per la riproduzione fedele dei dettagli e della natura e sempre grazie a questo letterato scopriamo che la prima pitturagiunta sino a noi è “L’Annunciazione” di Justus di Ravensburg conservata nel complesso conventuale di Santa Maria di Castello. Tra fine ‘400 ed inizio ‘500 Anversa diventa il nuovo fulcro degli scambi commerciali e culturali delle Fiandre, richiamando così a se moltissimi artisti: tra i primi ricordiamo Joos van Cleve e le sue tre stupende pale d’altare: “Adorazione dei magi” per San Luca d’Albaro (poi presa come bottino di guerra dalle truppe austriache nel 1747 ), “Compianto sul Cristo Morto” per Santa Maria della Pace (ora al Louvre) e “Adorazione dei Magi” nella Chiesa di San Donato ancora oggi presente nel nostro territorio.
Paolina Adorno – Van Dick
Simbolo della pittura fiamminga a Genova è certamente Rubens, che giunse qui nel 1604, tra il 1606-1607 ed infine sino al 1620, anno in cui viene collocata sull’altare della Chiesa del Gesù la pala dedicata ai “Miracoli di Sant’Ignazio“. Famoso poi è il dipinto “Gio. Carlo Doria a cavallo” (Palazzo Spinola): da un’indagine radiografica si è scoperto che il volto fu ritoccato varie volte per rendere più giovane e fresco (anche se al tempo aveva solo 30 anni) un viso un po’ segnato. Non si può poi parlare di arte fiamminga senza citare Van Dyck, a Genova dal 1621 al 1627. Gli esponenti del patriziato genovese sono i suoi clienti principali: in questo periodo infatti la città sta vivendo un momento d’oro in campo finanziario ed artistico e motivo di pregio è anche possedere opere d’arte importanti (Gio. Carlo Doria vantava una collezione di circa 900 dipinti!). A rendere più facile l’arrivo e la permanenza di Van Dyck a Genova fu da una parte la sua amicizia con Rubens che con ogni probabilità gli diede varie lettere di presentazione, e dall’altra i suoi numerosi rapporti con i Balbi (grandi collezionisti) e i fratelli de Wael che lo ospitarono. Amato soprattutto per i suoi ritratti, gliene furono commissionati moltissimi raffiguranti bambini, uomini, donne, e ritratti equestri. Quiricordo: “Anton Giulio Brignole-Sale“, “Paolina Adorno Brignole-Sale“, entrambi conservati a Palazzo Rosso.

Credits Wikipedia
Grande contributo alla pittura locale lo diede anche Jan Roos. Il pittore giunse in Italia nel 1614 convinto che sarebbe restato poco tempo. Di lì a poco invece iniziò ad ottenere moltissime commissioni e decise di fermarsi stabilmente a Genova, città nella quale si sposa, apre un’importante bottega e collabora con altri artisti, anche genovesi. I suoi dipinti (alcuni appartengono a collezioni private altri sono visitabili nei Musei di Genova) di fiori, frutta e animali erano talmente perfetti da sembrare reali. I primi ad essere influenzati da questo genere furono Anton Maria Vassallo , il Grechetto e anche Stefano Camogli definito il “fiorante” per la sua predilezione nel ritrarre fiori. La pittura genovese fu influenzata anche da un altro soggetto: i paesaggie letempestee determinante in questo senso fu il contributo di Pieter Mulier specializzato in scene marine. Naturalmente è quasi impossibile nominare tutti i pittori e le opere conservate a Genova quindi vi lascio una serie di link utili nei quali potrete trovare informazioni importanti sui quadri citati e molto di più.
Link utili
Palazzo Bianco


Che cos’è #genovAnversave l’ho già in parte raccontato, è il progetto ideato da Turismo Fiandre per ripercorrere la storia e il passato di  Genova ed Anversa ritracciandone le similitudini e le affinità. Entrambe città marinare strategiche in Europa, la loro fortuna è legata ai loro porti, che già nel Medioevo si trasformarono in immensi crocevia di merci e genti, uno scambio continuo e proficuo di idee, pensieri, arti e manufatti in cui era contenuto il germe di quella globalizzazione destinata a cambiare il mondo.
La volontà è quella di leggere il passato di queste due città come un tutt’uno, ripercorrendo a ritroso quei momenti di scambio e incontro tra due mondi di radici diverse ma che trovarono proprio nella moltitudine di gente che li attraversò un indissolubile punto di incontro.
Da una parte Genova affacciata sul caldo Mediterraneo, l’eterna rivale della Serenissima alla quale contendeva la predominanza sui traffici mercantili verso Oriente.
Dall’altra parte Anversa, gemma del freddo nord, culla dell’arte fiamminga e di tante nuove idee destinate a contaminare il mondo.
Furono proprio i lori porti che le fecero incontrare permettendo dapprima un intenso scambio di merci. Fu così che sete preziose genovesi divennero moda all’ultimo grido tra le nobili di Anversa, e i preziosi arazzi del nord cominciarono ad adornare le case di Genova. Con le merci arrivano presto le idee, inarrestabili e incontenibili, e con esse gli artisti alla costante ricerca di contaminazioni per nuove ispirazioni. Ecco che ritroviamo Rubens e Van Dick a Genova, un incontro che ne segnerà per sempre la vita e le opere.
#genovAnversa è anche l’incontro di due musei, il Galata Museo del Mare di Genova ed il Red Star Line Museum di Anversa, uniti nel ricordare e dare un tributo a tutta quella moltitudine di gente che tra fine dell’Ottocento e i primi del Novecento arrivò nei porti della due città per imbarcarsi verso l’America e verso una nuova vita.
Un incommensurabile numero di storie, destini, addii e nuovi incontri che si consumarono per le vie delle città e che i due musei raccontano, con discrezione e delicatezza, in immagini, documenti, lettere, stralci di una memoria che si vuole preservare, perché in essa è contenuta la genesi del nostro mondo moderno.
Ma #genovAnversa va oltre e diventa un social media free trip e di nuovo un incontro, stavolta tra due blogger, unite nell’intento di raccontare i due musei e le due città.
Da un parte Emanuela, la nostra local expert e genovese doc, che dopo averci già raccontato le emozioni della conferenza di aperturatenutasi a Genova lo scorso 30 ottobre, presto ci racconterà le tracce fiamminghe che ancora oggi sopravvivono a Genova e le storie di persone ed idee ricostruite al Galata Museo del Mare.
Poi Emanuela passerà idealmente il testimone a me, che a fine novembre partirò per Anversa come inviata di Turismo Fiandre per visitare il Red Star Line Museum e ammirare Anversa, ricercando per le sue strade e i suoi monumenti tracce di quell’italianità che arrivò qui su sin dal Medioevo in forma di merci ed idee. E così il cerchio si chiude.
Due città, un passato che si incrocia e due blogger che lo ripercorrono.

Tutto questo è #genovAnversa.


La nostra Local Expert Emanuela ci parla della conferenza tenutasi a Genova lo scorso 30 ottobre sul tema delle migrazioni, di cui Genova e Anversa sono state teatro. 
Un resoconto preciso e approfondito sulle profonde affinità tra le due città di mare e sulle tante storie di coraggio, speranze e sogni che si incrociarono per i loro porti e per le loro strade.

Vite in movimento. Storie di persone, affari e idee tra Anversa e Genova”, la conferenza che ha avuto luogo al Galata alcuni giorni fa è stata davvero interessante e mi ha permesso di conoscere qualcosa in più della mia città, Genova, e scoprirne un’altra che invece non ho mai visitato: Anversa. Il convegno aveva lo scopo di presentare e far conoscere il Red Star Line Museum, il museo dedicato alla storia delle migrazioni europee nel periodo compreso tra il XIX e XX secolo, periodo nel quale due milioni di europei iniziarono a lasciare i propri paesi di origine per cercare fortuna negli Stati Uniti ed in Canada. Non era un viaggio semplice, prima della partenza erano sottoposti ad accurate visite mediche e lo stesso accadeva nel luogo di destinazione. Chi non superava i controlli non poteva imbarcarsi o era rimandato indietro. Accadeva così che numerose famiglie erano costrette a separarsi. Immaginate quale dramma vivesse un padre o una madre nel vedersi strappare di mano un figlio, davvero terribile.


Tra i passeggeri poi moltissimi ebrei in fuga dai nazisti, come Einstein che proprio sulla Red Star Line scoprì che il regime aveva sequestrato ogni suo bene. Ma anche tanti Italiani, circa 20 mila tra il 1892 ed il 1924, provenienti principalmente dal Nord Italia, dal Molise e dalla Calabria. Stati Uniti, Canada e Sud America invece le prime mete, poi negli anni ’60 il Nord Europa (Germania, Svizzera, Francia): operai, ristoratori e non dimentichiamo il Belgio con i nostri minatori. Una migrazione anche interna però, principalmente durante gli anni del boom economico quando migliaia di persone provenienti dal sud Italia cominciarono a cercare lavoro in città come Milano, Torino e Genova: operai, muratori o contadini il più delle volte sottopagati, sfruttati e soggetti ad episodi di discriminazione. Ma la migrazione è sempre in evoluzione e cambia con il mutare della popolazione, negli anni ’70 infatti la maggiore scolarizzazione portò tanti giovani a voler provare nuove esperienze all’estero e nacque un nuovo fenomeno, quello che  viene comunemente chiamato “Generazione Erasmus”.

E oggi? L’Italia è diventata luogo di approdo per tanti disperati che rischiano la vita pur di sfuggire alla miseria e alla guerra. Luogo simbolo di questa immigrazione è sicuramente Lampedusa conosciuta anche con l’appellativo di “Island’s tears” (Isola delle lacrime), dovuto all’impressionante numero di persone che ha perso la vita in questo tratto di mare. History repeating verrebbe da dire, ossia la storia che si ripete. Come abbiamo potuto vedere le motivazioni che spinsero i nostri compatrioti a partire per una terra straniera non sono molto diverse da quelle dei migranti odierni. Naturalmente come ha giustamente sottolineato nel suo intervento il Direttore del Mu.Ma Pierangelo Campodonico, memoria delle proprie radici non vuol dire far finta che tra i tanti italiani non ci fossero anche delinquenti, ladri e assassini, memoria è soprattutto verità storica e non un falso abbellimento del passato. Fondamentale quindi è attuare politiche che facciano capire alle persone che “il migrante è alla base del concetto di Europa, il migrante è il vero europeo” garantendo al “nuovo arrivato” non solo il diritto alla salute o all’educazione ma anche il mantenimento del ricordo delle proprie radici e la perfetta integrazione con la popolazione locale, senza dimenticare ovviamente l’importanza di mantenere la sicurezza sociale.


E quale modo migliore per conservare il ricordo delle proprie origini se non attraverso un museo della memoria? Il legame tra Genova e Anversa inizia proprio da qui. Red Star Line Museum e Mem lontani geograficamente ma vicini nello scopo della loro creazione: non far perdere la memoria dei propri ricordi attraverso le storie delle persone che vissero in prima persona quelle esperienze. Il Red Star Line Museum è situato all’interno dei locali originali che un tempo fungevano da stazione di controllo per i passeggeri di terza classe. Il restauro ha richiesto 8 anni di duro lavoro, ma il risultato finale è davvero eccellente. E difficile è stato anche ricostruire le vite di quelle famiglie, vista la mancanza quasi totale di documentazione scritta. Fotografie, ricostruzioni storiche ma anche postazioni multimediali, impossibile dare un elenco completo di tutto ciò che potrete vedere nel museo, se volete farvi un’idea di quello che troverete ecco un link utile, anche se il mio consiglio è quello di visitare di persona questo luogo.

Ma la relazione tra Genova ed Anversa risale addirittura al 1277 quando due marinai di Sori si imbarcarono come vogatori su di una galea diretta per la prima volta nei mari del Nord, nelle Fiandre, prima destinazione: Bruges. Con il passare dei secoli il rapporto tra le due città si è intensificato a tal punto che nell’800 il porto di Anversa diventò meta di un gran numero di marinai genovesi e nasce anche un detto “Anversa traversata persa” perché molti sperperavano quasi tutti i propri guadagni nelle donne, il gioco e altri divertimenti. Genova e Anversa sono legate anche nell’arte. Pensate che lo scambio di opere d’arte tra queste due città non ha eguali con nessun altra città. Rubens, Van Dyck, Joos Van Cleve, sono solo alcuni dei pittori passarono o soggiornarono nella città della Lanterna. E molti sono i quadri ancora presenti nel nostro territorio: San Lorenzo della Costa, San Michele di Pagana , Palazzo Rosso, Palazzo Spinola . Una piccola curiosità: Rubens amava a tal punto la città di Genova che portò in patria una serie di disegni riguardanti i palazzi genovesi (da lui considerati i più belli e confortevoli d’Italia) e volle costruire la sua casa ispirandosi anche allo stile genovese. 

L’ultima parte del convegno è stata riservata alla presentazione del Museo Reale di belle arti di Anversa, che attualmente è in fase di restauro (qui maggiori info). Al suo interno bellissime ed importantissime collezioni sia di pittura che scultura appartenenti non solo all’antichità o al “mondo fiammingo”, qui troverete opere moderne ed internazionali, alcuni nomi? J. Van Eyck, J.Metsys, MagritteModigliani, Antonello da Messina e Tiziano (qui la collezione). Uno dei progetti più interessanti del museo a mio avviso è la “Summer School”: in pratica i bambini stranieri che non conoscono nemmeno una parola di olandese possono avvicinarsi alla lingua, prima dell’inizio della scuola, attraverso vari incontri nel museo. I bimbi così avranno la possibilità di conoscere i rudimenti della lingua osservando un quadro guardando un volto (come si dice occhi o bocca) oppure anche i vari stati d’animo rappresentati nei dipinti. In questo modo una volta iniziata la scuola non si troveranno svantaggiati rispetto agli altri compagni.
Non conoscevo Anversa e me ne sono innamorata, la seconda città con più nazionalità al mondo prima di New York e dopo Amsterdam credo che rappresenti alla perfezione il concetto di “maestria all’avanguardia” che sta alla base della promozione turistica di Turismo Fiandre, perchè unisce davvero la tradizione all’innovazione, due facce della stessa medaglia non in opposizione tra di loro ma complementari. 

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, si acconsente a questo. Per informazioni su come disabilitare i cookie, leggere l' Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi