Fuerteventura

Tra pochi giorni finalmente sarò a Fuerteventura, l’isola delle Canarie che da tempo aspetto di vedere per ammirarne le immense spiagge e i panorami lunari, conosciuti come tra i più suggestivi dell’arcipelago.

Un viaggio prenotato mesi fa finalmente sta per diventare realtà! E’ tanto che aspettavo di vedere Fuerteventura. Dopo aver visitato Gran Canaria, isola che ho amato per la varietà di paesaggi che offre, sono curiosa di vedere Fuerteventura, conosciuta come l’isola del vento ma anche per le tantissime e bellissime spiagge.
Avrò una settimana intera a disposizione per immergermi nei suoi paesaggi, percorrerla in lungo e in largo, ammirarne i borghi marinari, le dune di sabbia che sfumano del mare e le onde così famose tra i surfisti. 
 
Come organizzare il viaggio a Fuerteventura
Maggio è la stagione perfetta per visitare l’isola, quando l’aria già è calda ma i vacanzieri estivi sono ancora lontani.
Ho prenotato un volo da Bergamo con Ryanair lo scorso settembre, molto in anticipo ma potendo così assicurarmi tariffe scontatissime.
Per l’alloggio ho optato per un appartamento, che al mare è sempre la mia opzione preferita perché dà grande libertà di gestione.
Essendo una lettrice del blog Smettere di lavorare di Francesco, ho deciso di contattarlo per affittare l’appartamento si sua proprietà. L’appartamento di trova a Caleta de Fuste, in posizione centrale, perfetta per visitare il resto dell’isola. L’appartamento è grazioso e moderno, inserito in un piccolo residence fronte mare con piscina. A gestirlo per lui è Daniela, precisissima nel fornire informazioni, che tra l’altro gestisce anche altri alloggi sull’isola.
Qui si seguito alcune delle opzioni:
Per muovermi sull’isola ho affittato una macchina: le tariffe di noleggio sono molto convenienti (ca. 80€ a settimana) e avere un mezzo proprio permette di esplorarla arrivando anche agli angoli più remoti.
#myfuerte è l’hashtag con il quale potrete seguire il viaggio che come sempre racconterò con foto, video e tweet sui miei canali social!

© silviaromio.altervista.org

Gran Canaria, una perla  al largo delle coste nord-occidentali dell’Africa; un continente in miniatura, come spesso la definiscono, proprio perché qui si possono incontrare tutti i possibili paesaggi presente al mondo: immense spiagge, verdi colline, montagne, laghi, e persino il deserto. Un puzzle perfetto, un piccolo mondo, un angolo d’Europa proteso verso l’Africa.

Chi atterrando qui si aspetta spiagge caraibiche e acque cristalline resterà deluso; le spiagge, le più famose delle quali concentrate nelle coste sud dell’isola, sono le tipiche spiagge oceaniche lunghe e profonde bagnate da acque turbolente e non particolarmente calde; anche il profilo del centro balneare principale, Playa del Inglés, è alquanto deludente, abbruttito da enormi palazzoni arroccati sul promontorio che domina il mare, enormi alveari che ospitano hotel e appartamenti vacanze, molti dei quali avrebbero bisogno di una buona sistemata e rinfrescata. Qui le strutture turistiche sembrano essersi fermate agli anni ’70, l’epoca in cui le Canarie erano sinonimo di meta esotica, l’Europa in Africa, una destinazione chic per abbienti turisti tedeschi e inglesi, ma non solo. Con l’avvento dei voli low cost il target turistico si è abbassato e le isole, compresa Gran Canaria, sono diventate una destinazione alla portata di molti, ma le strutture turistiche non hanno saputo o voluto adeguarsi al cambiamento risultando oggi decisamente fuori moda e molto impesonali.
Detto questo, Playa del Inglés è comunque un luogo piacevole dove passeggiare la sera sul lungo mare pieno di bar e negozi e dove fare ottimi affari comprando profumi , macchine fotografiche o telecamere essendo l’isola porto franco.  Attenzione però a valutare bene l’acquisto, la fregatura è dietro l’angolo!
Ma il pezzo forte di Playa del Inglés è la riserva naturale delle Dune di Maspalomas, un deserto in  miniatura di solo 25 km quadrati incastrato tra la spiaggia e le colline; si può accedere alla riserva direttamente dalla zona dei bar, passando così in pochi minuti dal frastuono del centro abitato animato dal vocio dei turisti al silenzio delle dune; un paesaggio surreale fatto di dolci colline dorate, un manto di seta che sembra oscillare spinto dal vento e che si stende fino al mare. Ritrovarsi dentro questo universo fatto si sabbia, vento e silenzio riempie il cuore di emozione, d’un tratto sembra di essere atterrati su di un altro pianeta, è emozionante passeggiare per le dune, arrampicarsi sulle più alte e da lì osservare l’oceano che si staglia all’orizzonte, una linea dritta contro il profilo ondulato delle dune.  Laddove le dune precludono la vista delle colline e della città che incombono alle spalle di Maspalomas, la vista spazia solo tra deserto e mare, due infiniti che sembrano toccarsi, un mondo fatto solo di due colori, l’oro della sabbia e il blu del cielo e del mare.
© silviaromio.altervista.org

Gran Canaria riserva anche altre perle, come Puerto Morgan, un piccolo paesino affacciato sulla costa sud occidentale dell’isola; qui le case bianche, abbellite da balconi e inserti color pastello e incorniciate di bouganville in fiore creano un’atmosfera che è un misto tra i paesetti delle isle greche e i paesaggi provenzali. Il porticciolo, circondato da minuscoli bar, è il luogo ideale per sedersi fuori a sorseggiare un caffè osservando la vita intorno e i pescatori indaffarati a scaricare delle loro barche il bottino della giornata.
Puerto Morgan è facilmente raggiungibile da Playa del Inglés da autobus di linea, il viaggio dura circa un’ora e permette di godere del paesaggio costiero seguendo la strada che si inerpica su per le colline per raggiungere la piccola baia dove è appollaiato il paese.

© silviaromio.altervista.org

Di atmosfera decisamente diversa è Las Palmas de Gran Canaria, la capitale delle Canarie: una città calda, piena di vita, dall’atmosfera rilassata e cosmopolita oltre che vivace centro universitario;
Il quartiere storico della Vegueta trabocca di edifici che nelle loro facciate raccontano la storia travagliata di quest’isola, terra di grandi contese proprio per sua sua posizione strategica come porta verso il continente africano; il quartiere è caratterizzato dalle tante case in stile tradizionale, con i cortili interni e i balconi in legno intarsiato. Meritano una visita la Casa di Colombo e il Museo Canario che racconta le usanze delle antiche popolazioni dell’arcipelago.
Ma il cuore pulsante della città è la sua spiaggia, Las Canteras, una delle più belle spiagge cittadine che abbia mai visto: ampia, pulita, una mezza luna di sabbia candida incorniciata  da acque placide e da una magnifica via lungo mare piena di caffè e bar, il posto preferito dagli abitanti per sorseggiare un aperitivo dopo il lavoro. 
Pur non contando attrazioni turistiche d’eccezione, la città conquista con la sua aria allegra e informale, una sorta di piccola Barcellona d’oltre oceano dal carattere marcatamente europeo, dove si tende a dimenticare di aver varcato un oceano ed essere a due passi dal continente nero e sembra di essere ancora nella vecchie Europa.
La città è ben collegata a Playa del Inglés con bus di linea che coprono il tragitto in ca. 1 ora- 1 ora e trenta a seconda del traffico.
Guida al viaggio

Traporti per Gran Canraria:
Ryain Air e altre compagnie aeree low cost offrono voli diretti; Iberia collega Gran Canaria attraverso voli con scalo in Spagna. Se si ha più tempo si può prendere in cosiderazione la possibilità di arrivare attraverso uno scalo in Germania servendosi di uno dei numerosi voli di compagnie aeree low cost tedesche (per es. Tui) che offrono collegamenti giornalieri con l’isola.
Dove dormire:
Playa del Inglés rappresenta certamente una base ideale da dove partire alla scoperta dell’isola. La maggior parte delle mete di interesse turistico possono essere raggiunte con gite giornaliere usando una macchina a noleggio o avvalendosi dell’estesa ed efficiente rete di trasporti pubblici.
Per evitare di finire in uno dei tanti hotel – alveari, si può magari cercare un piccolo appartamento nelle nuove zone residenziali più recenti appena fuori dal centro di Playa del Inglés.
Quando andare:
Gran Canaria è famosa per essere l’isola dell’eterna primavera, qui d’inverno la temperatura rimane sui 18° e d’estate, grazie alle brezze oceaniche, non sale mai sopra i 30°. Un clima da sogno dove godere del calore del sole in ogni periodo dell’anno

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, si acconsente a questo. Per informazioni su come disabilitare i cookie, leggere l' Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi