A Vicenza, in Basilica Palladiana, la più grande mostra su Van Gogh mai realizzata in Italia.

Si è aperta lo scorso 7 ottobre a Vicenza la tanto attesa mostra su Van Gogh, prodotta da Linea D’ombra e curata da Marco Goldin. Si tratta di una mostra monografica che conduce in un affascinante viaggio nell’universo dell’artista. A guidare il curatore Goldin nella costruzione del percorso le oltre 900 lettere che Van Gogh scritte al fratello Theo. Attraverso le parole dell’artista, che diventano disegni e dipinti, la mostra ricostruisce i 10 anni di attività del grande maestro, dalla formazione alla maturità fino alla morte prematura. (altro…)


Molti turisti visitano Assisi. Ma quanti di loro visitano Asisium? È risaputo infatti che la città, nota a tutti per la vita e le opere di San Francesco, ricoprì al tempo dell’Antica Roma un ruolo di primissimo piano.

Quel glorioso passato, oggi, ci viene raccontato da strutture di epoca imperiale giunte a noi in condizioni talvolta eccellenti. In questo piccolo itinerario alla scoperta dell’Assisi Romana cercheremo di darvene dimostrazione.

Il foro romano di Assisi

Il centro della vita sociale ed economica del tempo era il Foro, collocato al di sotto dell’attuale piazza del Comune. Scendere alla scoperta della città che fu è un’esperienza davvero unica. Nel corso della vostra esplorazione avrete la possibilità di ammirare i resti del tribunale, la fontana monumentale e il tempio dedicato a Castore e Polluce. In superficie il foro è dominato dal Tempio di Minerva, risalente al I secolo a.C.. Sia le colonne che i capitelli sono originali. Nei pressi del Duomo cittadino, invece, sono visibili i resti del teatro romano, risalente più o meno alla stessa epoca, ma che oggi si mostra al mondo unicamente con tre arcate. Il quartiere di Porta Perlici nacque sopra e intorno a un anfiteatro. Ce lo insegnano non solo la forma ellittica degli edifici di età medievale, ma anche l’arena, che oggi è diventata un giardino. Tratti della cinta muraria romana sono visibili in diversi punti della città – come, ad esempio, in piazza Matteotti – ma l’unica antica via di accesso ancora visibile è Porta Urbica, alta quattro metri e attualmente inserita all’interno del palazzo Fiumi–Roncalli.

Le antiche domus romane

Domus Lararium Assisi

Il pavimento a mosaico della Domus Lararium

 

Anche il Ninfeo e il Torrione Funerario sono siti archeologici di estrema rilevanza, ma probabilmente gli edifici più stupefacenti arrivati fino a noi dall’Impero Romano sono due ville: la Domus di Properzio e la Domus del Lararium. La prima si trova al di sotto della chiesa di Santa Maria Maggiore, per la precisione in corrispondenza dell’abside. Oltre alla pavimentazione marmorea a mosaico e le pareti affrescate con soggetti marini e floreali, a rubare l’occhio al visitatore è soprattutto il portico decorato in stile pompeiano, con rami fioriti e uccellini variopinti che sembrano stati dipinti da pochi giorni. La Domus del Lararium, invece, si trova a circa sette metri dal pavimento dei palazzi Giampè e del Cardinale. Senza timore di smentite, possiamo assicurarvi che solo a Roma e Pompei è possibile ammirare affreschi e mosaici in stato di conservazione così eccellente.

L’Assisi Romana ovviamente non finisce qui: queste sono soltanto alcune delle principali attrazioni che un appassionato di storia non può lasciarsi sfuggire. Divertitevi a scoprire le altre girando per una città che tutto il mondo ci invidia: cercate su Expedia.it alberghi o B&B per la vostra vacanza e partite per un viaggio lungo migliaia di anni!


 

Immaginate una rinomata località balneare, in cui potete anche praticare i più diversi sport acquatici e non, circondata da distese di verde e un entroterra tutto da scoprire, e che la sera diventi anche capitale del divertimento, con locali, discoteche, feste sulla spiaggia. Immaginate che sia anche protagonista di una festa che interessa tutto il litorale e che riempia il vostro programma con una serie ancora maggiore di attrattive. Stiamo parlando di Riccione, “La Perla Verde del Mediterraneo”, che nel weekend del 7 luglio 2017 si animerà, assieme alle altre città della riviera romagnola, per “La Notte Rosa”: giorni di spettacoli, musica, percorsi eno – gastronomici e tanti appuntamenti con l’intrattenimento per grandi e piccini. A Riccione anzi si inizia in anticipo: già dal 4 luglio apre la Kermesse Cinematografica “Cinè 2017 – giornate estive di cinema”, in cui proiezioni, incontri e dibattiti avranno per protagonista il grande schermo, allestito appositamente per l’occasione nell’arena di Piazzale Ceccarini.

Da giovedì 6 luglio si entra invece nel vivo, con l’esibizione di artisti di strada, giocolieri, break dancer, mangiatori di fuoco e gigantesche bolle di sapone: un magico mondo pronto a schiudersi di fronte ai vostri occhi e coinvolgervi fino alle 23, quando lasceranno il posto al dj set, i vocalist e le ballerine che vi faranno ballare per tutta la notte. E per chi preferisce danzare su note più tradizionali, niente paura: in parallelo, a piazza Sacco e Vanzetti, vi aspetta musica dal vivo, con orchestra e sfiziose degustazioni di ciambella romagnola e vino. Per tutto il weekend, poi, i personaggi di Radio Deejay vi intratterranno in piazzale Roma con la loro simpatia e le hit dell’estate, nonché con l’anteprima del contest Deejay on Stage. E non finisce qui: grandi spettacoli di fuochi d’artificio, la pink street per scatenarsi in rosa a ritmo di musica, la Clown Run, un’occasione di divertimento, sport e solidarietà per una causa importante.

Se questo programma vi ha convinto, prenotate subito il vostro Hotel a Riccione e preparatevi a un’esperienza a 360°: se infatti il ricco calendario della Notte Rosa può intrattenere le vostre serate, anche durante il giorno avrete l’imbarazzo della scelta tra le molte attrattive che la zona offre. A partire ovviamente dalla balneazione in ottimi lidi convenzionati, fino agli sport acquatici e per i più avventurosi, i parchi a tema “Acquafan”, “Oltremare” e “Imax”: gli amanti dell’acqua potranno viverla in ogni sfumatura. Per chi invece preferisce itinerari culturali, Riccione avrà la risposta giusta: la città si distingue anche per la sua ricchezza storica e artistica. Nata da un antico insediamento romano, i reperti della sua lunga storia sono contenuti nell’interessante Museo del Territorio, a cui possono essere affiancati anche il Museo di Arte Moderna e Contemporanea e il Centro Civico della Pesa. Il centro storico è comodamente percorribile a piedi, e una visita la merita certamente anche il Castello degli Agolanti, simbolo della città. Agli amanti del verde, da ultimo, si consigliano anche i percorsi nell’entroterra e soprattutto la meravigliosa pista ciclabile detta “Corridoio Verde Adriatico”.


Il tour delle Scuole Grandi costituisce uno dei percorsi di visita più spettacolari di Venezia. Veri e propri musei, le sale delle Scuole raccontano i fasti e le atmosfere della Città lagunare in un arco di tempo che va dal Medioevo al Settecento.

Le confraternite di Venezia

Nella Venezia medievale il termine “scuola” identificava delle confraternite laiche. A partire dal XIII secolo il sistema delle confraternite ebbe un grande sviluppo nell’Italia centro-settentrionale e si protrasse fino al 1500. A Venezia in particolare la creazione delle confraternite rivestì un ruolo importante nella vita sociale ed economica. (altro…)


Situato nell’ala napoleonica di Piazza San Marco, il Museo Correr custodisce le sale regali dove soggiornò l’imperatrice d’Austria Sissi.

Ci vuole almeno mezza giornata per vedere tutto il museo tante sono le collezioni che conserva.
Dagli ambienti sfarzosi dove soggiornò Sissi alle sale che conservano capolavori d’arte, il Museo Correr è una perla di Venezia incredibilmente poco frequentata. Mentre nel vicino Palazzo Ducale i turisti fanno la fila per entrare, qui si sale indisturbati lungo l’ampia scalinata che introduce agli ambienti napoleonici.
Un viaggio nella Venezia regale! Pronti? Via!

(altro…)


Palestrina e Anagni sono le stelle più fulgide della campagna romana. In un territorio già ricco dal punto di vista naturalistico e culturale, le due cittadine vantano un patrimonio archeologico e artistico unico. 

Vicine a Roma ma abbastanza distanti da far dimenticare il caos della capitale, Palestrina e Anagni ammaliano il turista con il quieto ritmo della campagna e lo splendore dei loro tesori. Dall’archeologia all’arte medievale, il patrimonio artistico delle due città nulla ha da invidiare ai fasti di Roma. (altro…)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, si acconsente a questo. Per informazioni su come disabilitare i cookie, leggere l' Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi