Domenica 5 Maggio si terrà a Bocca di Magra “BOCCA DI ROSA”, 
un Festival dei Fiori che darà possibilità tutte le aziende del settore della zona che aderiranno di mettersi in mostra.

La location sarà il bellissimo lungofiume del borgo Bocca di Magra e nella giornata sono previste anche altre manifestazioni: ci sarà la processione per il giorno di S.Croce, un concerto di musica d’autore nel pomeriggio (tornano dopo 7 mesi di assenza i “Poveri Strumentisti”) e la manifestazione sportiva di “Stand up Paddling” sulla riva opposta del fiume, raggiungibile con un servizio di battelli.
L’INGRESSO E’ LIBERO! Una magnifica occasione per festeggiare la primavera che speriamo si decida a regalarci un po’ di sole!
Per maggiori informazioni potete contattare l’Associazione Boccadamare attraverso la pagina Facebook


I prossimi 10-11-12 maggio un’occasione imperdibile per coniugare arte e un week end al mare: un workshop di fotografia in un posto straordinario, Bocca di Magra (SP), alla foce dell’omonimo fiume, dove sotto l’eterno sguardo delle cime delle Alpi Apuane, l’acqua dolce accelera per diventare mare; un posto che fu méta prediletta di alcuni dei più grandi poeti e letterati del ‘900 come Einaudi, Montale e Pavese, in cui si farà esperienza di ripresa con foto paesaggistiche e glamour, dai ritratti all’adeguata post produzione.


I partecipanti alloggeranno in camere condivise di due-tre posti letto, presso la casa vacanze “A Cà da
Tirde” e l’hotel “Sette Archi”; colazione, pranzo e cena saranno serviti al ristorante dell’hotel e compresi nel
prezzo, che sarà di 240€ a partecipante (escluse bevande alcooliche/bibite ed eventuali ordinazioni extra)!
L’occasione, va da sé, è particolarmente ghiotta per coloro che vogliono unire un week end al mare, magari
portando con sé la propria famiglia, e la passione per la fotografia o per coloro che vogliono approfondire e
confrontare le proprie tecniche e conoscenze.

Due giorni di fotografia da passare insieme. La comune passione come pretesto per scoprire luoghi nuovi e nuove persone. Gli organizzatori vi accompagneranno consigliandovi e vi supporteremo
tecnicamente. Nessuna noia, chiacchierate informali e amichevoli, due giorni “diversi” dai soliti!

Per info :
– Loriana 338 4283272; jody22hp@libero.it
– Giorgio 349 0749326; info@orionsas.eu

Link:
Antonio Alberti  fotografo
A ca da Tirde casa vacanze
Hotel Sette Archi hotel e ristorante
www.freehands.altervista.org workshop
https://www.facebook.com/pages/Freehands/607177165977479



Le attrattive del Trentino sono molte e moltissimi sono i turisti che, in ogni stagione, vi si recano per le sue bellezze naturali, i castelli, i musei, gli eventi sportivi internazionali. Anche le famiglie trovano in questa verde regione il luogo ideale per trascorrere le vacanze, perché tante attenzioni sono rivolte anche ai piccoli ospiti, che qui trovano servizi e strutture a loro dedicati.

Fra le varie località trentine, una di quelle più frequentate da chi arriva con bambini al seguito è Andalo, che presenta diverse caratteristiche che lo rendono ideale per un soggiorno infantile: l’altitudine contenuta (1040 m), la conformazione del territorio (altopiano), la presenza di un parco molto vasto dove i piccoli possono saltare sui giochi gonfiabili, guidare le macchinine elettriche, fare il giro del lago a bordo del trenino, e una serie di facili sentieri per belle camminate all’aria aperta.
Per una vacanza in famiglia all’insegna del divertimento, l’Hotel Serena, un albergo del club Giocovacanza, specializzato nell’accoglienza delle famiglie con bambini, offre camere appositamente accessoriate per bambini e un ricco programma di attività, qui chiamate “esperienze”, condotte da personale qualificato.
Mentre i pargoli si divertono, i genitori hanno modo di rilassarsi, magari presso il centro wellness interno, che propone sauna, bagno turco, bagno mediterraneo, docce emozionali e trattamenti di bellezza.
Insomma fra sport, relax e divertimento qui è davvero vacanza per tutti (leggi altre informazioni qui).

Arriviamo al Ristorante Il Vecchio Mulino, poco fuori dal centro di Valdengo nel biellese, all’ora di pranzo, ultima tappa di #biellastoria prima di riprendere la strada di casa. Stanchi ma felici per le tante persone incontrate nei due giorni di tour e i tanti meravigliosi posti scoperti, veniamo accolti in un’atmosfera di fiaba. L’edificio che ospita il ristorante sembra davvero uscito da un libro di racconti tanto è bello, un mulino circondato da valli e colline.
Da fuori l’impatto è notevole, una magnifica casa ristrutturata con l’enorme ruota in legno del mulino. Ma la sorpresa più grande ci aspetta dentro, dove due simpatiche e sorridenti ragazze ci accolgono in abiti medievali. Il Vecchio Mulino ha voluto farci pranzare in una perfetta atmosfera medievale con tanto di menu a tema. La stanza a noi riservata è deliziosa, rustica e accogliente con romantici cuori in legno che pendono dai lampadari.
Incuriosita visito le altre sale scoprendo che ogni ambiente ha una sua propria ambientazione, così che il ristorante si può prestare alle diverse esigenze: dalle cene con amici e romantici tete à tete fino a cerimonie importanti.
La sala mughetto per esempio, candida e immacolata con tavole perfettamente preparate con calici e candelabri, nella sua sobria eleganza è ideale per una cerimonia intima.
La mia preferita è la colorata sala fiori, dai toni lilla, spiritosa e curata nei minimi dettagli.
Il menu ci porta alla scoperta di antichi sapori medievali con la degustazione dei “maccheroni di Bengodi”, citati addirittura dal Boccaccio in una delle sue novelle, che in realtà sono degli gnocchi, ovviamente senza patate dal momento che queste nel medioevo ancora non esistevano in Europa!
A seguire un delizioso pollo al limone e per finire un classico, la Torta Palpiton, dolce tradizionale dei sapori biellesi.

Il Vecchio Mulino propone ogni domenica sera menu regionali (ogni settimana una regione diversa) a buffet a  prezzi imbattibili, per una bella serata all’insegna della buona cucina in un ambiente accogliente.

Il Vecchio Mulino 
Via Dante Alighieri 2 – Valdengo
email: vecchio-mulino@alice.it
tel. 015 881477
chiuso il lunedì e il martedì
orari: dalle 10 alle ore 2
www.il-vecchio-mulino.it

Continua l’Itinerario D’Autore firmato da Elena Serrani, guida turistica ufficiale che ci porta alla scoperta di un altro tesoro del biellese: Rosazza.

Il paese di Rosazza è situato a 900 metri circa d’altezza nella Alta Valle Cervo, vallata stretta e
scavata nei secoli dal torrente che collega i centri della comunità con la città di Biella. La Valle
Cervo è caratterizzata da cave di pietra, soprattutto sienite, da cui si sono estratti i materiali per
l’edilizia tradizionale che ancora caratterizza i centri abitati e gli alpeggi dell’alta valle.
In questo scenario si inserisce il progetto di costruzione architettonica, paesaggistica e storica di
Federico Rosazza Pistolet (1813-99), che nella seconda metà dell’Ottocento interviene finanziando
la costruzione di edifici e infrastrutture nel centro di Rosazza e in altri siti della vallata. Personaggio
di spicco, colto intellettuale e politico, decide di arricchire i suoi luoghi d’origine con architetture
e opere urbanistiche di grande impatto e di singolare gusto che oggi rendono il paesaggio davvero sorprendente e inaspettato per il visitatore.

Citazioni da opere di epoche e luoghi svariati, riproposizione di scelte stilistiche e motivi a volte
decontestualizzati , riferimenti all’occultismo contraddistinguono l’immagine data al paesaggio,
ancora oggi visibile in valle Cervo. Il tutto prodotto dal gusto del Senatore, coadiuvato e trasposto
nella realtà attraverso i progetti dell’Architetto Maffei, grande amico del Rosazza.
Giuseppe Maffei firma la sua prima opera come progettista nel Cimitero di Rosazza, iniziato nel
1875 con riferimento a quello monumentale di Milano.
Nel 1870 infatti Federico recupera un’idea già sviluppata dal padre Vitale di creare una strada
carrozzabile tra Rosazza e San Giovanni d’Andorno, arricchendo il percorso anche dal punto
di vista ambientale con essenze arboree secondo il gusto dell’epoca; parliamo di un percorso
che arriva a oltre 1000 metri d’altezza, che ancora oggi ci regala viste spettacolari sulla valle
sottostante.
Federico Rosazza si spinge oltre l’obiettivo paterno nel 1889 quando avvia il proseguimento della
strada dal San Giovanni verso l’altro santuario celebre del Biellese, quello di Oropa. Osteggiato da
alcuni impresari per l’arditezza del progetto, egli non desiste e sempre con l’aiuto di Maffei realizza
il collegamento tra le due valli, completato nel 1897 con lo scavo della Galleria di collegamento tra
le due valli.

Il paese di Rosazza viene poi ripensato nell’urbanistica con nuovi edifici in linea col gusto dei
due artefici: la costruzione della Chiesa nuova e nel 1880 il Municipio, la cui torre viene ricavata
reimpiegando il vecchio campanile della chiesa antica e modificandolo con merlature neo-
ghibelline. Il nuovo edificio viene costruito su più piani e decorato con fasce orizzontali che
richiamano l’architettura medievale genovese.
Un po’ decentrato rispetto all’abitato, ben visibile per l’alta torre cilindrica, si incontra il castello
progettato dal Maffei come residenza ma soprattutto galleria per le opere collezionate da Federico
Rosazza: l’edificio riprende forme medievali, nelle merlature guelfe, e segue il gusto del pittoresco
e del non finito tipico dell’Ottocento. Qui il Maffei crea finte rovine e un richiamo all’architettura
dei castelli scozzesi visti in uno dei tanti viaggi all’estero, arricchite di simbologie e riferimenti
esoterici come le altre architetture da lui progettate. Un riferimento può essere costituito dal revival
storicistico del Borgo medievale al Parco del Valentino a Torino.


E’ con grande gioia ed orgoglio che pubblico un post scritto e redatto da Elena Serrani, guida turistica ufficiale di Biella e Provincia, che in esclusiva per Viaggiolibera ci propone un itinerario d’autore alla scoperta delle meraviglie architettoniche e paesaggistiche di Biella.
Un’ occasione unica per scoprire un territorio ricco di sorprese, attraverso le immagini e le parole di un’esperta che ne conosce profondamente storia, tradizioni e bellezze.
Ecco il primo di una serie di articoli che vi porteranno alla scoperta della zona settentrionale della provincia.

Chi giunge dalla pianura nella provincia di Biella viene accolto già in lontananza dal profilo ritmato
delle colline e delle Alpi che coronano questo territorio. Partendo dalla lingua morenica della Serra,
si possono percorrere con lo sguardo i pascoli della Valle Elvo, i rilievi conici (i cosiddetti Brich)
della Burcina, San Grato, Zumaglia e Monte Prèvè, per proseguire a est verso la zona ancora ricca
di vigneti di Masserano e Sostegno.
Le colline e le montagne biellesi sono state interessate nei secoli dalla presenza umana legata alle
attività di alpeggio e pastorizia nella fascia montana, ad attività artigianali alle quote più basse. Le
montagne sono state fino all’Ottocento la via privilegiata, attraverso i valichi, per le comunicazioni
e i commerci tra le zone limitrofe della Valle d’Aosta e Valsesia.
Con l’incremento dell’industrializzazione nel XX secolo le valli fluviali biellesi vengono costellate
di grandi stabili produttivi; a livello sociale nasce e sale al vertice la borghesia costituita dagli
imprenditori locali, desiderosi di affermarsi anche a livello di immagine non solo investendo nelle
proprie attività produttive, ma attraverso committenze artistiche e architettoniche o interventi
urbanistici.

Il percorso qui offerto interessa, partendo da ovest, alcune aree dislocate nella fascia settentrionale
del Biellese, caratterizzate dall’interazione tra ambiente naturale e progetto costruttivo umano:
tra XIX e XX secolo infatti l’immagine del Biellese viene modificata dagli interventi promossi
e finanziati da illustri personaggi che vogliono disegnare il paesaggio secondo i propri ideali
estetici; i Piacenza, Federico Rosazza Pistolet, Ermenegildo Zegna lasciano la propria firma sul
territorio attraverso interventi paesaggistici e architettonici, includendo nella propria visione anche
le comunità in cui agiscono. Imprenditori, studiosi, esteti, appassionati, controversi, megalomani,
filantropi tanti sono gli aspetti legati alle figure di questi personaggi, i quali indubbiamente hanno
lasciato segni tangibili sul territorio e nella sua storia.

La BURCINA
La riserva naturale della Burcina si trova nel comune di Pollone, situato a nord di Biella nella
comunità della valle Elvo, e si estende su un’area collinare di 57 ettari tra 570 e 830 metri d’altezza.
Il Brich Burcina deriva il nome probabilmente dal termine bru con cui si indicava l’erica, mentre
con Brich si indicano tutte le conformazioni collinari coniche che caratterizzano la geologi dell’alto
Biellese, in prossimità del passaggio della Linea Insubrica del Canavese (area tra l’alta Serra e il
Bocchetto Sessera).
Area importante dal punto di vista storico poiché sono state trovate testimonianze archeologiche,
oggi essa richiama visitatori per la sua bellezza di giardino ai piedi delle Alpi e dominante la
pianura con viste mozzafiato.
L’iniziatore del parco è Giovanni Piacenza lungimirante industriale laniero locale, attivo
nell’azienda fondata dagli avi nel 1733, viaggiatore e politico; egli, nella prima metà dell’Ottocento
decide di riqualificare il colle riordinando la flora esistente e piantando nuove essenze soprattutto
conifere. Il progetto sarà portato avanti dal figlio Piacenza, che creerà il giardino all’inglese che
ancora oggi mantiene l’impianto di fine XIX secolo, con la grande piantumazione di rododendri ed
essenze esotiche.

Il parco è visitabile attraverso un percorso sterrato che dall’ingresso principale porta fino alla vetta,
tagliato da alcuni sentieri mantenuti dal personale della Riserva.
Il transito veicolare è possibile solo per chi risiede o svolge attività nel parco (ci sono ancora poche
cascine abitate), oppure nei giorni di giovedì (9.00-18.00) e sabato (9.00-11.00) è permesso il
transito ai mezzi che trasportano disabili o anziani over 65.
La Burcina è meta di visitatori provenienti dall’esterno, ma è anche molto frequentata dai
Biellesi stessi per passeggiate e attività sportive outdoor, a confermare l’importanza di un luogo
esteticamente e naturalisticamente ricco di interesse. Il parco è sede del centro documentazione
giardini storici del Biellese, e della Società italiana del rododendro.
Diverse attività vengono organizzate nel corso dell’anno, e sono visibili sul sito ufficiale.


Il primo reportage su Genova dall’inviata speciale di Viaggiolibera Emanuela, genovese doc che ha deciso di raccontarci la sua città partendo da tre luoghi simbolo.

Un caloroso benvenuto ad Emanuela che speriamo vorrà presto svelarci altre bellissime perle di Genova! 
Ecco il suo post:
 
Ciao a tutti! Mi chiamo Emanuela e in questo post vi accompagnerò in un mini tour alla scoperta di Genova. Ma prima di iniziare il viaggio, vorrei ringraziare Silvia che mi ha dato l’opportunità di parlare della mia città nel suo blog: grazie mille! Impossibile scrivere in un solo articolo tutto ciò che di bello c’è da visitare in questa città, così ho scelto tre luoghi simbolo: i carrugi, il porto antico e la casa di Cristoforo Colombo con l’attigua Porta Soprana.


Ho deciso di partire da Porta dei Vacca perché questo, per me, è il punto di accesso più bello per addentrarsi nei vicoli e perdersi nel cuore della città. Oltrepassare questo arco, di cui potete vedere un particolare nella foto qui a lato, è come fare un salto nel passato. Ci si lascia alle spalle il traffico e il caos cittadino e si entra in un altro mondo. Ma parleremo dei vicoli poco più avanti ora voglio descrivervi brevemente Porta dei Vacca. Questa struttura, costruita tra il 1155 e il 1159, faceva parte delle antiche mura difensive erette per fronteggiare gli attacchi di Federico Barbarossa e in alcune occasioni fungeva anche da prigione. Il nome deriva dalla famiglia Vachero (o Vacchero ho trovato entrambe le grafie) che nel XII secolo possedeva alcune abitazioni nella zona.

Il primo carrugio che incontrerete una volta oltrepassata la Porta sarà Via del Campo, il vicolo citato nell’ omonima canzone di Fabrizio De Andrè.  A questo artista è dedicato l’emporio-museo “Via del campo 29 rosso”. Qui sono raccolti molti suoi cimeli come spartiti, dischi e la sua chitarra. Periodicamente vengono poi organizzati percorsi guidati che vanno alla scoperta dei luoghi più significativi dei cantautori genovesi. A questo link potrete trovare molte notizie interessanti. Via della Maddalena, bellissima come potete vedere nella foto, peccato che nelle sue traverse sia praticata la prostituzione, anche di giorno. Nonostante lo sforzo di riqualificare le zone più “malfamate” devo ammettere che purtroppo c’è ancora molto degrado e nei miei “vagabondaggi” fotografici cerco sempre di tenere bene gli occhi aperti. Non voglio spaventarvi, purtroppo la delinquenza è presente un po’ in tutte le città non si ci può chiudere in casa, ma è sempre meglio mettere in guardia le persone.




Ed eccoci al Porto Antico! Qui vengo ogni volta che ho bisogno di rilassarmi un po’. Una passeggiata lungo il molo, un giro all’acquario e un salto sul Bigo (l’ascensore panoramico) per vedere dall’alto tutta la città! Ah dimenticavo c’è anche la Biosfera, un piccolo giardino botanico che ospita esemplari tropicali sia animali che vegetali. Lo ammetto non ci sono mai stata, ma sarà sicuramente la mia prossima meta. Se avete dei figli portateli alla “Città dei bambini” ( la più grande struttura italiana dedicata ai piccoli tra i 2 ed i 12 anni. Sempre in questa zona infine c’è “Galata il museo del mare”.


Ultima tappa del tour virtuale è la Casa di Colombo, un edificio molto ben conservato all’interno del quale purtroppo è vietato fare foto e girare video. Le camere sono piuttosto piccole e le scale che portano ai piani superiori strette e ripide. La casa in realtà fungeva anche da bottega, al piano terra infatti c’era il laboratorio tessile (il padre di Cristoforo era lanaiolo). Il soffitto è retto da travi in legno, originali dell’epoca, che erano ricavate dai fasciami delle navi. Ai muri sono appese le riproduzioni di vari documenti (gli originali sono conservati nell’Archivio di Stato di Genova) il più interessante dei quali è sicuramente il contratto di locazione intestato al padre di Colombo. Adiacente alla dimora del navigatore genovese c’è Porta Soprana. Sino alla fine del 1700 qui venivano eseguite delle condanne a morte per decapitazione e le teste dei condannati erano appese in gabbie di ferro in mezzo all’arco! Per ora è tutto spero che le mie informazioni vi siano state utili e alla prossima!


 Quando ho detto ai miei amici che andavo a Biella tutti a chiedermi ” E che ci vai a fare a Biella?”
 Se me l’avessero detto poco più di un mese fa devo dire che io stessa mi sarei sorpresa di trovarmi a passare un week end in quel di Biella, città che anch’io conoscevo solo come polo dell’industria tessile, concorrente di Valdagno che ho qui a pochi chilometri di distanza.

E invece devo dire che Biella si è difesa bene, e la piccola cittadina di provincia dall’aria timida ci ha piano piano svelato le sue bellezze artistiche ed architettoniche, anche grazie all’aiuto dei tanti amici biellesi che si sono uniti a Gian e Lele di Sphimm’s Trip mostrandoci con orgoglio che la loro Biella può essere anche una piacevole meta turistica.
A tutti gli scettici e curiosi consiglio quindi di leggere questo post,ì: rimarrete sorpresi, come mi sono sorpresa io, di quante bellezze riserva Biella!


La prima cosa che mi ha colpito è  il fatto che la città sia divisa in parte bassa e parte alta, e già questo a me piace; ho un debole per le città “a due piani”, mi danno l’idea di avere un qualcosa in più, una specie di via di fuga dove andare quando si è stanchi del traffico del centro basso.

E la cosa che mi ha fatto ancora più piacere è scoprire che a collegare Biella Piano con la parte alta, chiamata Biella Piazzo, è una bellissima funicolare risalente al 1885: prima che l’impianto venisse elettrificato, le carrozze erano mosse da un ingegnoso meccanismo di contrappesi ad acqua; dalla stazione in alto si gode di una meravigliosa vista su tutta la città e le montagne circostanti.
Come ci spiega la preparatissima Elena Serrani, guida turistica ufficiale del Biellese, mentre il Ricetto di Candelo fu costruito per volontà del popolo, il Piazzo di Biella fu costruito nel 1160 per volontà di Uguccione, l’allora vescovo di Vercelli, che concesse privilegi e franchigie a coloro che lo abitavano, trasformando il borgo in una specie di feudo ligio al potere vescovile. Il Piazzo serviva anche da difesa ai vescovi quando nella vicina Vercelli predominavano i Ghibellini, favorevoli all’impero, in contrasto con Biella che invece era Guelfa. Il potere temporale della chiesa a Biella ebbe termine nel 1377 quando con una rivolta la città imprigionò il vescovo e si sottomise ai Savoia.
Le facciate dei palazzi che si affacciano sulla via principale testimoniano il passato illustre del borgo e donano ancora oggi un aspetto signorile a tutto l’insieme. Oltre l’imponente Porta della Torrazzo un magnifico ponte permette di ammirare il paesaggio dei monti Oropa e Graglia.
Incamminandosi verso il cuore del Piazzo si arriva ad una splendida piazzetta su cui si affaccia Casa Vialardi, con finestre orlate da eleganti terrecotte, ed un’abitazione più popolare in tipico stile bretone, a ricordare l’influenza esercitata nei secoli dalla vicina Francia.
La piazzetta è veramente deliziosa e si affaccia su un belvedere che mostra tutte le colline circostanti. Peccato, e lo dico con spirito costruttivo, per le tante, troppe auto parcheggiate ovunque, che deturpano l’insieme ed impediscono di godere della bellezza del borgo, che ha degli scorci veramente notevoli. Credo che questo angolo di medioevo dovrebbe essere reso pedonale: ne deriverebbe un sicuro vantaggio per il turismo e tutta la città. I patrimoni architettonici ereditati dal passato sono quanto di più prezioso abbiamo in italia, sono il nostro tesoro, e credo sia doveroso, oltre che vantaggioso, valorizzarli al meglio!

Ci incamminiamo lungo dei bei portici ammirando le decorazioni in cotto di molte facciate: sono degli elementi decorativi di influsso lombardo che vivacizzano e impreziosiscono molti palazzi e che ritroveremo anche in altri edifici in piano. La Piazza centrale, contornata da splendidi palazzi, è dominata dal cinquecentesco Palazzo Cisterna.
In un angolino della piazza sorge la Chiesa di San Giacomo, risalente al 1180,il più antico edificio del Piazzo. All’interno è conservata una bellissima pala ritraente la Madonna con Bambino: la grazia e la dolcezza che traspare dal viso della Madonna valgono da sole una visita della chiesa.
Ultima tappa del Piazzo è l’Ostello della Gioventù la cui sede è un ex prigione oggi perfettamente ristrutturata e pronta ad accogliere i giovani con camere ampie e luminose, ed un bel patio centrale.
Scendiamo a Biella Piano attraverso una delle coste, le vie che nel medioevo fungevano da collegamento tra la città alta e quella bassa. Un sentiero molto suggestivo che offre interessanti spunti fotografici grazie alle alte mura di sassi ed al selciato acciottolato.

Anche Biella Piano riserva alcune piacevoli sorprese, come il cinquecentesco Chiostro di San Sebastiano, circondato da edifici con le tipiche decorazioni in cotto, oggi sede del Museo Del Territorio che espone interessanti collezioni tra cui materiali cartografici sulla storia e l’evoluzione di Biella. Per finire il Battistero di San Giovanni Battista, risalente al XI secolo, costruito in ciottoli e laterizio è uno splendido esempio di architettura romanica, altro notevole scorcio medievale che Biella riserva.
E dopo tanta arte, perché non una sosta golosa in una delle gelaterie del centro. Consiglio Alice Dolce e Gelato, che produce gelati naturali con l’uso di prodotti a Km 0, una scelta che fa bene all’ambiente, oltre che alla gola!
Allora vi ho convinti? Avete visto quante cose interessanti? Che aspettate, andate a Biella!
Dove alloggiare
L’Hotel Michelangelo, in Piazza Adua, offre stanze ampie e confortevoli a pochi minuti dal centro, raggiungibile a piedi. Oltre ad essere un’ottima scelta per visitare città e dintorni, l’hotel nasconde anche una golosa sorpresa, la Pasticceria Golosi di Salute gestita in collaborazione con Luca Montersino, famoso pasticcere che ha studiato e promosso una linea di pasticceria salutistica di alta qualità adatta anche agli intolleranti, ma che non ha nulla da invidiare in gusto a quella classica, anzi! Maggiori dettagli su questo gioiello dell’Hotel Michelangelo in un prossimo post!
Dove mangiare
La Prosciutteria è un bellissimo locale in centro città che offre piatti a base di Prosciutto di San Daniele,  oltre che cucina con ingredienti dei territorio, tutti squisiti. I gestori sono una coppia simpaticissima e molto disponibile. Vi consiglio di chiedere un tavolo nella sala del seminterrato, un’ex cantina con i muri in mattoncini e le bottiglie a vista: un ambiente veramente suggestivo dove gustare i sapori genuini della cucina!

Panorama di Biella – Foto Sphimm’s Trip

Oggi è uno di quei giorni in cui mi sento soddisfatta, felice per qualcosa di bello e nuovo che mi è successo!
Il nuovo e bello in questo caso sono il partecipare al primo blog tour auto prodotto; da domani parte #biellastoria, un blog tour ideato e organizzato dagli amici Gian e Lele di Sphimm’s Trip, che, reduci da un tour a Ivrea organizzato da Turismo Torino, hanno pensato di replicare questo modello di iniziativa per promuovere il loro territorio, il biellese.

Un progetto ardito per due ragazzi senza nessun mezzo o aggancio particolare se non il loro blog e un grande entusiasmo. E’ così che dal niente i due super-blogger sono riusciti ad attirare l’attenzione di albergatori e ristoratori della zona che si sono prestati ad accogliere 15 blogger pronti a lanciare in rete le bellezze di Biella a suon di tweet, messaggi facebook, foto in instangran e chi più ne ha più ne metta.

Questa è una nuova frontiera di turismo 2.0, iniziative auto prodotte di rilancio e promozione di quei territori più snobbati dal turismo organizzato ma che hanno tante bellezze, culturali artistiche e non ultime gastronomiche da far conoscere. Una perfetta sinergia tra chi ha da offrire servizi di accoglienza e chi può promuoverli in maniera semplice, diretta e potentissima attraverso la rete, verso utenti e lettori iper-percettivi, desiderosi di venire in contatto con destinazioni nuove.
Credo che l’iniziativa di Gian e Lele meriti una lode, non solo per l’innegabile capacità organizzativa, ma per l’avere saputo creare dal nulla, senza mezzi spettacolari ma solo con la forza del loro contagioso entusiasmo, qualcosa di concreto; hanno saputo promuovere, coinvolgere, rendere partecipi tutti noi blogger, diventando un ponte tra noi e la gente del biellese, galvanizzando tutti a tal punto che adesso, a poche ora dall’inizio, tramite la rete l’eccitazione è palpabile, vera, sincera: un turbinio di tweet che mostrano la voglia di incontrarsi, parlare e scoprire Biella!
Con questo progetto la rete non è solo un immenso oceano di informazioni vorticose ma diventa mezzo di incontro vero, reale, capace di fare qualcosa di concreto.Se noi italiani riuscissimo più spesso ad essere così produttivi con pochi mezzi, contando solo sulle nostre forze e su un grande entusiasmo, forse staremmo tutti meglio.
Ecco, stasera mi sento fiera e onorata di far parte di un progetto così bello!
Grazie a Gian e Lele e mille di questi  #biellastoria a tutti i miei compagni di avventura!
Biella arriviamo!!!!!


© silviaromio.altervista.org

La primavera quest’anno stenta a partire ma i primi timidi raggi di sole mi fanno venire voglia di gite all’aria aperta!

Una delle mie destinazioni preferite per le domeniche di primavera è il lago: sarà per le acque placide, le sfumature di azzurro di cui si accende l’acqua quando è illuminata dal sole, le sponde tranquille lungo le quali passeggiare e quell’atmosfera pacata e rilassante.
In Italia di laghi ce ne sono tanti, non c’è che l’imbarazzo della scelta! Oggi vi voglio raccontare di un bellissimo laghetto incastonato nelle montagne sopra a Riva del Garda, a pochi chilometri dal Garda: il Lago di Tenno.

Uno specchio d’acqua verde smeraldo circondato da un romantico scenario di montagna , il Lago di Tenno è una vera gemma, talmente bello da sembrare dipinto con quella forma perfettamente tonda e un’isoletta che campeggia al centro.
© silviaromio.altervista.org

La particolarità sta nel colore dell’acqua, un intenso turchese dato dal riflesso dei boschi circostanti e dalle pietre bianche sul fondo. Il lago è incastonato in una valle riparata dalla strada principale che sale da Riva del Garda, e si raggiunge solo a piedi attraverso una lunga scalinata medievale che scende dal parcheggio attiguo. Nonostante sia immerso in un ambiente alpino, Tenno gode di un clima mediterraneo con viti, olivi e castagni coltivati in terrazzamenti che orlano le colline circostanti, conferendo grande armonia al paesaggio circostante.

Il lago si presta per una rilassante giornata all’aria aperta; c’è anche un’area attrezzata con tavoli e panchine perfetti per un pic nic ; il lago è balneabile e le sue acque turchesi sono considerate tra le più pulite del Trentino. In alternativa si può percorrere il facile sentiero che costeggia tutto il perimetro del lago per godere di magnifici scorsi paesaggistici.
E quando si è stanchi di natura,Tenno riserva un’altra magnifica sorpresa

© silviaromio.altervista.org

Canale di Tenno
Raggiungibile con una piacevole passeggiata di mezzora dal lago lungo una carrozzabile che si  inoltra tra le colline terrazzate, c’è Canale di Tenno; classificato come uno dei borghi più belli d’Italia, l’agglomerato, risalente al 1200, è rimasto praticamente intatto  nella struttura fino ai giorni nostri.

© silviaromio.altervista.org

La storica contrada, dopo anni di abbandono in cui era diventata una sorta di paese fantasma, è stata riscoperta nei primi anni ottanta e a poco a poco si è trasformata in un autentico museo all’aperto, un gioiello architettonico medievale con dimore in sasso, viuzze, sottopassi con le caratteristiche volte a botte, selciati di ciotoli e poggioli in legno praticamente intatti. 
Tra i prodotti del borgo, un ottimo olio d’oliva a produzione limitata, vino, miele e marroni.


Canale  è molto conosciuto anche per la Casa degli Artisti , un fervente centro culturale ricavato da un rudere.
Attirati dall’armonia e bellezza del luogo, molti artisti e personaggi della cultura hanno trascorso e trascorrono qui ancor oggi brevi vacanze di riposo e solitudine con l’unico obbligo di donare una propria opera alla fine del soggiorno. Questo ha permesso di raccogliere un importante numero di opere artistiche che attirano ogni anno migliaia di persone.
Sempre in zona meritano una visita anche il Castello di Tenno, da cui si gode di una magnifica vista del Lago di Garda: risalente al XII secolo, il castello domina il borgo antico di Frapporta e la chiesetta di San Lorenzo, uno dei più bei esempi di arte romanica del Trentino.


Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, si acconsente a questo. Per informazioni su come disabilitare i cookie, leggere l' Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi