Budapest: cosa vedere in 3 giorni

La capitale ungherese è una città dalla doppia anima: Buda e Pest. A dividerle il Danubio, ad unirle il favoloso Ponte delle Catene.  

L’itinerario di 3 giorni che vi propongo vi porterà a scoprire i monumenti più famosi di Budapest e i suoi sontuosi complessi termali, dove trascorrere ore di relax in strutture dal fascino senza tempo.

Ecco allora l’itinerario a Budapest suddiviso nei 3 giorni di visita:

Giorno 1: Pest

  1. Via Andrassy e il Teatro Nazionale
  2. Basilica di Santo Stefano
  3. Parlamento
  4. Ponte delle Catene

Giorno 2

  1. Funicolare di Buda
  2. Castello di Buda
  3. Bastione dei Pescatori
  4. Piazza degli eroi

Giorno 3

  1. Terme di Gelert
  2. Terme di Rudas

Come muoversi a Budapest

Gli itinerari del giorno 1 e 2 possono essere fatti tranquillamente a piedi. Il castello è raggiungibile dal centro in pochi minuti tramite la funicolare . I complessi termali sono collegati al centro da metro e bus.

 Via Andrassy a Budapest

Il primo giorno dell’itinerario a Budapest è dedicato alla visita di Pest. Andrassy Ut è la via della shopping a Budapest. Sontuosi palazzi neorinascimentali ospitano caffè, ristoranti e negozi griffati. Non mancano nemmeno le opere architettoniche. Su questa via affaccia il Teatro Nazionale dell’Opera Ungherese, la cui facciata con un doppio ordine di colonne è un prezioso esempio di stile neorinascimentale. All’interno, la sala dell’opera ospita oltre 1200 spettatori. Sedie in velluto rosso, palchi e gallerie luccicanti d’oro e un enorme lampadario che scende dal soffitto creano un ambiente di grande opulenza ed eleganza.

Basilica di Santo Stefano

Elegante edificio di stile neoclassico, la Basilica di Santo Stefano ha dimensioni impressionanti. Una delle chiese più grandi d’Ungheria, il suo interno può ospitare oltre 8000 fedeli. I turisti la visitano anche per l’enorme cupola, raggiungibile in ascensore o lungo una scala a chiocciola (oltre 350 gradini!). Dalla sommità si gode di una magnifica vista panoramica su Budapest.

Il Parlamento

Dalla basilica si scende fino alle sponde del Danubio per visitare il cuore politico di Budapest: il Parlamento. Il palazzo, costruito in occasione delle celebrazioni del millennio dello stato, si ispira a Westmister di Londra. In effetti la somiglianza è incredibile! Una selva di guglie, torri e archi adornano le facciate dell’edificio, lungo quasi 300 metri. Per dimostrare la democraticità e vicinanza del governo al popolo, il Parlamento fu volutamente fatto costruire nella parte bassa du Budapest, anziché farlo svettare tra le colline che dominano la città come i castelli reali. Quando non ci sono sedute, è possibile visitare il parlamento con tour guidati di ca. 50 minuti.

Ponte delle Catene

Ponte delle Catene di notte

Il ponte delle Catena rappresenta il più antico collegamento tra Buda e Pest. Ancora oggi è uno dei simboli più famosi di Budapest, e senza dubbio una delle attrazioni più fotografate! Il nome deriva dalle pesanti catene in ferro che incorniciano le campate. La costruzione del ponte durò ben 10 anni e iniziò nel 1840. Imponente di giorno, diventa ancora più suggestivo la sera quando le torri vengono sapientemente illuminate.

Funicolare di Buda

L’itinerario del secondo giorno inizia proprio da dove è terminato quello del primo. Attraversato Ponte delle Catene, si può raggiungere la collina che ospita il castello di Buda tramite la funicolare. Il viaggio dura pochi minuti ma permette di godere di un magnifico panorama sul Danubio e su Pest, con il Ponte e il Parlamento, mentre si risale velocemente il fianco delle collina.

Castello di Buda

Questa antica fortezza difensiva è stata trasformata in un complesso culturale che ospita musei, gallerie e bar con terrazze da cui ammirare Pest. Il primo castello risale al XIII secolo. In seguito, fu distrutto e ricostruito diverse volte e usato con residenza per i regnanti. La costruzione attuale risale al XX secolo.

Bastione dei Pescatori

Bastione del Pescatore

Il Bastione dei Pescatori è un balcone neogotico situato nel punto più alto della collina del Castello. L’ampia terrazza che lo ospita unisce elementi neoromanici e neogotici, che lo fanno assomigliare a un castello delle fiabe. Le sette torri circolari con i tetti a cono rappresentano le sette tribù magiare che per prime si insediarono in questi territori. Oltre alla singolarità architettonica, il luogo è famoso per la vista che regala su Budapest e sul Danubio. Percorrete l’interno perimetro dei camminamenti per trovare gli scorci più caratteristici. Una curiosità: il nome deriva dalla corporazione che nel Medioevo fu incaricata di difendere questo tratto di mura cittadine.

Piazza degli Eroi (Hősök Tere)

Dalla collina scendete verso il centro, percorrendo le vie dello shopping, senza rinunciare ad una pausa golosa in uno dei tanti caffè. In circa mezz’ora arriverete a Hosok Tere. L’enorme piazza fu fatta costruire per festeggiare l’indipendenza ungherese. L’ampio spazio è delimitato dal Monumento del Millenario, con una colonna bianca al centro su cui svetta la statua dell’arcangelo Gabriele. La piazza si trova a Pest, alla fine di Viale Andrassy, e segna l’ingresso a Parco Városliget, il polmone verde di Budapest. Oltre a sentieri per passeggiare, il parco offre anche diverse attività culturali e di svago. Al suo interno si trovano il Museo delle Belle Arti, lo zoo di Budapest e le terme Széchenyi, risalenti al 1800. Non c’è che l’imbarazzo delle scelta!

Le terme di Budapest

#HelloBudapest #HelloGellertbath Photographer – @peter.rajkai Model – @atlantahackney

A post shared by Budapest (@budapest_hungary) on

Dopo due giorni di visite culturali, il terzo giorno dell’itinerario è dedicato al relax! Budapest è l’unica capitale al mondo ad avere sorgenti termali nel centro cittadino. Le terme di Budapest, oltre ad offrire svago e divertimento, sono anche importanti opere architettoniche. E’ il caso dei Bagni Gelert, ospitati in un magnifico palazzo liberty di inizio ‘900. Le terme sono raggiungibili con una breve corsa in metropolitana scendendo alla fermata Fövám tér o Szent Gellért tér. Un altro famoso complesso termale di Budapest è quello di Rubas. Queste terme furono costruite nel 1550 sulla riva sud-occidentale del Danubio e sono anch’esse raggiungibili con una corsa in autobus dal centro. Se vi organizzate, riuscirete a fare un bagno in entrambi gli stabilimenti, potendo così ammirare questi gioielli di arte e benessere nel cuore di Budapest.

CATEGORY: Capitali europee, Europa

Silvia Romio

Related items

Comments (2)

RINGRAZIO SILVIA PER LE UTILISSIME INFORMAZIONI CHE METTE A DISPOSIZIONE DI TUTTI, BELLISSIME LE FOTO, UN TALENTO CHE FAI BENE A NON NASCONDERE.

Grazie mille Catia! Il tuo commento mi riempie di gioia, mi fa piacere che i miei post ti siano utili. Passa ancora trovarmi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, si acconsente a questo. Per informazioni su come disabilitare i cookie, leggere l' Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi