Le spiagge di Lanzarote da nord a sud

Lanzarote, una delle Isole Canarie più belle dal punto di vista paesaggistico, è anche una meta perfetta per chi cerca spiagge. Vediamo quali sono le migliori.

Arieta: per chi ama il vento e il buon cibo

La spiaggia  di Arieta è scura e ruvida, come il borgo omonimo che sorge alle spalle. La sabbia nera ricorda l’origine vulcanica di Lanzarote e dà all’insieme un aspetto selvaggio. I venti costanti ma non troppo forti ne fanno meta ideale per i principianti del surf. La spiaggia non è attrezzata ma l’unico chiringuito presente è perfetto per sedersi ad ammirare il mare. Ottima anche la cucina, con piatti di pesce fresco gustosi ed economici. Magari Arieta non è l’arenile migliore per chi ama stare ore steso al sole, ma per una passeggiata è l’ideale. Il piccolo borgo offre alcuni ottimi ristoranti di pesce, alcuni con le finestre affacciate direttamente sull’oceano.

Playa de la Famara, nel profondo nord

Playa de Famara Lanzarote

La splendida e selvaggia Playa de Famara

Situata nel versante occidentale, Famara conta tre chilometri di spiaggia deserta, con dolci dune a cingerla e l’oceano ruggente all’orizzonte. Anche Famara, così come il piccolo villaggio di pescatori omonimo che sorge a pochi passi, rappresentano il lato più selvaggio di Lanzarote. La località è nota tra gli amanti di kite surf, che trovano onde e vento per le loro vele. Fare il bagno è spesso impossibile a causa delle condizioni del mare, ma vale sicuramente la pena salire fino a qui anche solo per ammirare il paesaggio.

Charco del Palo

Charco del Palo

Le piscine naturali di Charco del Palo

 

All’altezza di Famara ma sull’altro versante di Lanzarote si trova Charco del Palo. Questo luogo è famoso per le insenature rocciose che creano una serie di piscine naturali. Noto tra i naturisti, è un luogo molto tranquillo dove venire per stendersi al sole e ammirare lo spettacolo dell’oceano. Il paese è un agglomerato di case e villette bianche, alcune delle quali hanno terrazze aperte direttamente sul mare. Un alloggio scomodo ai servizi ma estremamente affascinante, adatto a chi cerca tranquillità lontano dal via vai cittadino.

Costa Teguise

Proseguendo lungo il versante orientale verso sud si giunge a Costa Teguise. Si tratta di una delle più belle località balneari dell’isola. Il centro ha l’aspetto del tipico villaggio canaro, con le casette bianche dalle porticine colorate. La spiaggia è un’ampia mezzaluna bordata da un bel viale lungomare. Al tempo in cui sono stata io la municipalità aveva da poco revocato la licenza di affitto di lettini e ombrelloni pertanto la spiaggia non era attrezzata.

Playa Honda

Appena a sud di Arrecife si trova questa immensa spiaggia di sabbia dorata. Nonostante confini con l’aeroporto, le dimensioni permettono di godere della spiaggia senza essere troppo disturbati dagli aerei in arrivo. Devo dire che mi è piaciuta molto anche come località per l’alloggio. A ridosso della spiaggia ci sono diverse case in affitto, alcune vere e proprie ville con magnifici giardini rocciosi. Anche il viale lungomare è un luogo piacevole, con diversi bar e ristoranti. E’ la spiaggia più frequentata dagli isolani, per questo si respira un’aria più “spagnola”. Proseguendo sul lungomare si arriva al punto in cui si possono osservare gli aerei in atterraggio passare direttamente sopra la testa. Adrenalina assicurata!

Puerto del Carmen

Playa Grande è la spiaggia principale di questa località balneare, dominio incontrastato del turismo inglese. La spiaggia è ben tenuta e attrezzata. Lungo tutta Avenida de Las Playas si allineano una serie infinita di bar e ristoranti, molti dei quali con personale inglese. Mediamente la qualità del cibo non è eccellente ma i prezzi sono buoni. Un paio di chilometri a est di Playa del Carmen si trova Playa de Los Pocillos. Questa ampia spiaggia di sabbia scura è attrezzata con servizi e bar di tutti i tipi, ed è una valida alternativa a Playa Grande.

Playa Quemada

Se siete stanchi del caos di Puerto del Carmen venite a Playa Quemada, una decina di chilometri a sud. Si tratta di un minuscolo villaggio di pescatori che conta una manciata di case e due ottimi ristoranti di pesce. La spiaggia è vulcanica, di ciottoli neri, e non attrezzata. Il paesaggio è incantevole, con il blu del mare che contrasta con le alture rosse che cingono la baia. Il posto perfetto per un pranzo fronte mare a base di pesce.

Playa del Papagayo

Se a Lanzarote cercate le spiagge bianche, venite qui! Per raggiungere Punta del Papagayo (foto di testata) bisogna arrivare a Playa Blanca, il centro urbano più meridionale dell’isola, e proseguire lungo una strada sterrata (polverosa ma ben battuta). L’accesso è a pagamento (ca. 4€) perché ci si trova in un’area naturale protetta. Punta del Papagayo indica una serie di spiagge e baie che si estende per due chilometri. Lasciata l’auto nell’ampio parcheggio, ci si trova su una scogliera. Ad est si trova Playa del Papagayo, una stupenda mezzaluna dorata incorniciata da scogliere color ocra. Dall’altra parte si estende Playa de Las Mujeres. molto più ampia e battuta dai venti, ma altrettanto meravigliosa.

CATEGORY: Europa, Spiagge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*