Safari sul fiume Garama, Borneo

Quando sono partita per #wildborneo avevo in testa due cose: vedere gli oranghi e le scimmie nasiche del Borneo. Se la riserva di Semenggoh di Kuching visitata ad inizio viaggio ha subito coronato il sogno di trovarmi a faccia a faccia con i famosi primati, molto meno fortunato è stato il tentativo di vedere le scimmie nasiche. Alla natura si sa non si comanda, è proprio quello che mi ha ripetuto l’operatrice del Bako National Park nel Sarawak alla mia domanda su quale fosse il sentiero dov’era più probabile incontrarle. E la natura, o forse persino gli astri quel giorno certo non mi sono stati propizi, visto che dopo un’estenuante camminata di quattro ore tra gli intricati e ripidi sentieri del parco di scimmie nasiche nemmeno l’ombra!

Ma non sono viaggiatrice che si scoraggia al primo fallimento e così, arrivata nel Sabah, ci ho riprovato. A due ore di autobus dalla capitale dello stato, Kota Kinabalu, è possibile effettuare crociere fluviali per avvistare la fauna locale e in particolare proprio le Proboscis Monkeys.


I fiumi dove effettuare i safari sono due, il più grande e meglio conosciuto Klias, e il più piccolo Garama. I due fiumi scorrono vicini e la strada per raggiungere i moli da cui partire per le crociere è pressoché identica. A distinguere le due escursioni è principalmente l’affluenza turistica, molto maggiore nel Klias dove in alta stagione ci si può ritrovare con dieci imbarcazioni che sostano sotto un unico albero per osservare le scimmie, col risultato che gli animali scappano. Prima di decidere ho fatto qualche ricerca in internet scoprendo che il Garama è inoltre quello con la più folta popolazione di Proboscis Monkey! A quel punto, non ho più avuto dubbi.

Nel prenotare diffidate dalle tante agenzie che vi propongono il Garama ma che poi finiscono per portarvi al Klias, l’unico tour operator ad avere una struttura su questo fiume è Only in Borneo, agenzia seria e molto ben organizzata. Hanno un ufficio in centro a KK ma si può prenotare anche telefonicamente.
Partiti puntuali da KK nel primo pomeriggio, raggiungiamo in circa due ore di autobus il piccolo villaggio di Garama, poche case di legno allineate lungo il fiume. La sede di OIB è davvero accogliente, una bella struttura in legno affacciata sul fiume e sul meraviglioso paesaggio agreste tutt’intorno. Il silenzio qui è totale e in lontananza si sentono riecheggiare i rumori  della giungla, un luogo veramente suggestivo. Prima di partire per la crociera ci offrono banane fritte e un dolcetto con all’interno le acciughe, un dolce tipico malese che nonostante l’abbinamento inusuale risulta gradevole.

Alla partenza per il giro sul fiume, ho il cuore in gola per l’emozione e la trepidazione. L’attesa dura poco, già dopo pochi minuti la nostra guida ci indica una scimmia nasica: è un esemplare adulto che ci osserva coi suoi occhi furbi dall’alto  seduto comodamente su un ramo mostrando il ventre rotondo e rosato, che spicca sul pelo rossiccio. La somiglianza con l’uomo è impressionante, nei suoi occhi, nel movimento delle braccia, persino nel modo di sedere si legge la discendenza comune a noi. Restiamo fermi in silenzio sotto all’albero ed ecco arrivare l’intera famiglia, la mamma con accanto il piccolo. Le scene che ci passano davanti agli occhi sono di un’estrema delicatezza, vedere la cura e l’amore con cui i genitori accudiscono il piccolo mi emoziona profondamente.
Proseguimo e gli avvistamenti continuano, ancora scimmie nasiche appollaiate sui rami spogli più alti, da dove possono controllare tutto l’intorno. Poi è la volta dei macachi e delle long tail monkeys , altra specie rara dalla pelliccia grigia e vaporoso pelo bianco intorno al muso.
Il fiume è deserto a parte le nostre tre imbarcazioni, la quiete è totale e in questo ambiente tranquillo gli animali, che qui vivono in totale libertà, tendono ad avvicinarsi alle rive.
Il tempo scorre veloce, passo più di un’ora col naso all’insù a scrutare gli alberi, sentendo l’emozione crescere ogni volta che tra il fogliame vedo comparire una scimmia. Di nasiche ne incontriamo ancora molte, una ci passa sopra passando da un albero all’altro e nel farlo si ferma un attimo e mi fissa: i suoi occhi sono chiari e vivaci, il suo sguardo indagatore mi mette quasi a disagio; in fondo l’intruso sono io, in piedi a bordo di una barca a guardarla mentre si muove tra gli alberi.
Presto la luce del giorno cala e il cielo si colora di mille sfumature di viola: avevo letto che il fiume è famoso anche per i tramonti ma ero troppo presa dal vedere le scimmie per curarmene, ma ora che sono qui, lo spettacolo è veramente magnifico.
Le sorprese non sono finite e calato il buio, dopo una lauta cena servita al quartier generale di OIB, torniamo sulle barche per ammirare un altro spettacolo della natura: migliaia di lucciole che nell’oscurità completa trasformano gli alberi in magnifici alberi di Natale. E sopra di noi, un cielo pieno di stelle.

E’ la mia ultima sera nel Borneo, e questa meravigliosa terra non poteva riservarmi saluto più bello.

Guida al viaggio

-Il Sabah è raggiungibile con voli diretti Malaysian Airlines o Airasia da Kuala Lumpur, Singapore e Kuching.
-Prima di partire per un viaggio nel Borneo, consiglio assolutamente di stipulare un’assicurazione medica per viaggiare sereni e protetti. L’assistenza sanitaria malese è di buon livello sopratutto nei grandi centri urbani ma è a pagamento per gli stranieri e i conti possono essere veramente salati. Un’assicurazione medica stipulata prima di partire vi garantisce per ogni evenienza. 
– Per la crociera sul fiume Garama potete consultare il sito di Only in Borneo e prenotare direttamente tramite il numero verde, senza nessun pagamento anticipato.
– Per il soggiorno a Kota Kinabalu consiglio l’Horizon Hotel, moderno, con stanze molto grandi e accoglienti, e una bella (anche se piccola) piscina sul tetto.

Se vuoi approfondire la conoscenza del Borneo, puoi leggere il mio libro “Borneo. Il Canto della giungla” (Versante Est – 2017). Clicca sul link del titolo per trovare gli store dove acquistarlo 

CATEGORY: Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*