Sahara: il mare di seta

© silviaromio.altervista.org

La risalita della duna più alta dell’Erg Chigaga, il remoto deserto marocchino ai confini con l’Algeria, è stata dura: i piedi che sprofondano nella sabbia, la meta lontana che pareva non arrivare mai; ma guadagnata la cima il Sahara era lì, davanti a me, maestoso ed infinito, di una bellezza ipnotica: un mare di seta, questo mi è sembrato, un enorme vastissimo mare di seta dorata con onde di sabbia a perdita d’occhio. Se ti fermi ad ascoltarlo puoi sentirne il rumore, lo chiamano il canto del deserto, il rumore della sabbia trasportata dal vento,un suono intenso che ti entra dentro, ti ammalia, ti ipnotizza.

© silviaromio.altervista.org

Il deserto mi ha rapita con la sua incredibile bellezza, mi ha preso l’anima. Mai avevo provato una così totale e completa sensazione di pace, mai avevo “sentito” un silenzio così profondo ed avvolgente. Non so quanto sono rimasta su quella duna a contemplare il mare di sabbia che si stendeva sotto di me, a guardare le ombre  allungarsi sulle dune a creare intricati giochi di chiaro scuro, assorta nei miei pensieri, a chiedermi perché ci affanniamo tanto nella vita se poi la vera pace, quella interiore, la trovi al cospetto del silenzio e dello spazio.

© silviaromio.altervista.org


Spazio e silenzio, questo è il deserto, dimensioni esteriori ed interiori; nelle nostre vite c’è troppo rumore per ascoltare i propri pensieri, serve fare silenzio, e serve fare spazio, perché è dallo spazio vuoto che parte l’ordine.

© silviaromio.altervista.org





                                           “Dio creo il deserto affinché gli uomini 
                                             possano conoscere la loro anima” 
                                                           Detto Tuareg


E’ questo che il Sahara mi ha regalato, un intenso infinito attimo per conoscere la mia anima.

  “Qui non vieni mai per la prima volta, 

      e quando te ne vai non lo fai per sempre.”







Comments (2)

bellissimo!!
io ho visto le dune a fuertevetura, che ovviamente non possono essere paragonate al sahara, ma la cosa bella e' che sono a ridosso del mare… esperienza unica! in mezzo al deserto ci trovi le conchiglie e pezzi di lava portati dal vento. lo stesso vento che ha portato la sabbia dal sahara e ha creato le dune di corralejo

ciao e benvenuta! Anche le Canarie sono belle, non sono ancora stata a Fuerte ma sono stata a Gran Canaria, là ci sono le Dune di Maspalomas, anche quelle incredibili, si cammina sulle dune fin giù al mare! Ho scritto anche un post su Gran Canaria, se ti va di leggerlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*