Mérida: le vestigia dell'antica Roma in Estremadura

venerdì, ottobre 07, 2016

Anfiteatro romano Mérida

Mérida, capitale dell'Estremadura, vanta un importante patrimonio architettonico frutto del suo grandioso passato come capitale della provincia romana della Lusitania.

La città fu fondata intorno al 25 a.c. dai Romani allo scopo di ospitare i veterani congedati dopo le guerre cantabriche. Mérida doveva inoltre controllare un importante via commerciale, la Ruta de la Plata (la via dell'Argento), che la collegava a Astorga.
Vestigia di questo illustre passato sono oggi visibili ad ogni passo e costituiscono il più grande complesso monumentale romano della Spagna. 

Il Teatro Romano di Mèrida




Il Teatro Romano è senza dubbio la stella più splendente nel firmamento architettonico di Mérida. Eretto nel I secolo a.C., poteva contenere 6000 spettatori. Il maestoso fronte scenico si compone di ordini di colonne sovrapposte ed è decorato con statue di divinità classiche. 
Ancora oggi il teatro è attivo e ospita il Festival di Teatro Classico di Mérida, un appuntamento annuale che attrae spettatori spagnoli e stranieri. Se visitate Mérida in estate, vi consiglio di assistere ad uno spettacolo, la suggestione delle scene, le luci e i costumi rendono l'esperienza davvero magica.

L'anfiteatro romano

Di fronte al teatro si trova l'Anfiteatro, anticamente dedicato agli spettacoli dei gladiatori. Fu inaugurato nel 8 a.C. e conteneva 14000 spettatori. Purtroppo la cavea media e superiore sono andate distrutte ma la cavea inferiore è ancora distinguibile. Molto suggestivo camminare nei cunicoli interni dell'anfiteatro ed uscire attraverso una delle tre antiche porte monumentali, sembra di tornare indietro ai tempi dell'antica Roma.

Il Museo Nazionale Romano di Mérida

Museo Nazionale Romano di Mérida
La sala del Museo Romano di Mèrida

L'antico passato della città è condensato in questo stupendo museo inaugurato del 1986. Situato proprio di fronte all'entrata del Teatro Romano, questo spazio museale magistralmente architettato ricorda nella struttura le classiche architetture romane. La sala centrale, caratterizzata da una serie di alte arcate, è un ambiente maestoso e pieno di atmosfera. Vi consiglio di visitarla di giorno quando la luce diurna che entra dal soffitto crea una gradevole illuminazione dorata. Il museo espone importanti reperti archeologici come busti, statue, preziosi mosaici e suppellettili di vario tipo tra cui attrezzi per la cucina, monili e monete. Un vero viaggio nell'antica Roma. Durante i lavori di costruzione si sono trovati i resti di una casa romana. Oggi questo spazio nelle fondamenta dell'edificio fa parte del percorso di visita e si possono ammirare ancora i dipinti murali originali e le opere idrauliche.

La Casa del Mitreo

Mosaici Romani a Mérida Estremadura
Questo complesso archeologico si trova ai margini del centro storico ed è a mio avviso una delle cose più interessanti da vedere a Mérida. Si tratta di una domus romana che si trovava nella stessa posizione di un precedente santuario mitriaco, da cui prende il nome. Della casa, disposta intorno a tre patii, si distinguono ancorai i perimetri delle stanze da letto, dei giardini, delle terme e delle botteghe commerciali che la circondavano. Bellissime le pitture murali e i mosaici, tra cui molto famoso è quello intitolato "Mosaico Cosmogonico".

Il Ponte Romano

Ponte Romano Mérida Estremadura
Le possenti arcate del ponte romano

Sempre nel cuore di Mérida si trova questo possente ponte a 60 arcate e lungo quasi 800 metri. Il ponte risale all'anno di fondazione della città, il 25 a.C. Per ammirarlo da vicino, scendete nella via di passeggio che costeggia il fiume Guadiana e avrete una vista spettacolare sulle ampie arcate.

Altri reperti archeologici romani

Passeggiando per Mérida è facile incontrare altre vestigia romane, come il Tempio di Diana. Si tratta dell'unico edificio religioso romano che ancora si conserva e risale al I secolo a.C. A pianta rettangolare, è circondato da colonne che originariamente erano stuccate e i di rosso.
Molto suggestivo anche l'Arco di Traiano, alto 15 metri. Si pensa che non si trattasse di un arco trionfale bensì di una porta monumentale che dava accesso al cardo massimo.

La Alcazaba

Questa fortezza araba risale al IX secolo, quando la città era sotto il dominio dell'emiro di Cordoba. Sorge adiacente al Ponte Romano e un tempo fungeva da recinto militare che ospitava una guarnigione permanente di soldati. All'interno si conserva una grande cisterna di origine araba scavata nella roccia, molto suggestiva da vedere. 

Per qualsiasi informazione sul viaggio potete riferirvi al sito di Extremadura Turismo


You Might Also Like

1 comments

  1. Cara Silvia, è sempre bello viaggiare con te!!! Grazie delle magnifiche foto!
    Ciao e buona giornata, con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina

Follow on Facebook

Bloglovin'

Follow

Subscribe