L'entroterra di Fuerteventura

giovedì, giugno 23, 2016

L'entroterra di Fuerteventura

L'entroterra di Fuerteventura, nelle Canarie, è un luogo lunare, arido, chilometri di lande deserte bruciate dal sole su cui si ergono coni di antichi vulcani a ricordare l'origine dell'isola. Un susseguirsi di paesaggi solitari, a tratti impervi eppure incredibilmente magnetici, capaci di catalizzare gli occhi dei viaggiatori, attirati dai colori saturi della terra rossa che si staglia su un cielo blu cobalto.


Basta addentrarsi lungo le strade che conducono all'interno dell'isola per ritrovarsi circondati da altopiano brulli che paiono prolungarsi all'infinito, distese vuote e aride degne di deserti rocciosi. Un viaggio in macchina è Fueteventura è quanto di meglio si possa fare come alternativa alle giornate passate su una della tante spiagge dell'isola.
Eppure questi altopiani infinitivi, apparentemente inospitali, nascondono villaggi custodi della tradizione isolana più antica.

La Oliva, memorie coloniali 


Casa de los Coroneles
Casa de los Coroneles
Il villaggio di La Oliva fu il centro politico di Fuerteventura dal XVII fino alla metà del XIX secolo.
La strada per raggiungere il centro risale le alture per poi attraversare un altopiano brullo che ipnotizza con mille sfumature di rosso e ocra fino a condurre al piccolo centro. Affacciata sulla piazza principale, la chiesa de Nuestra Señora Candelaria ha la classica struttura delle chiese coloniali, con le pareti imbiancate a calce e un campanile a base quadrata visibile da chilometri di distanza. All'interno si trova un altare barocco dipinto di Juan de Miranda (1723-1805). 
La principale attrazione turistica di La Oliva è la Casa de los Coroneles, o casa dei colonnelli, situata ai margini del centro. Questo massiccio edificio coloniale fu usato come quartier generale dai colonnelli che governarono l'isola dai primi del Quattrocento. 
La casa è visitabile (entrata a pagamento) ma a mio avviso la parte più bella è l'esterno, non tanto per l'edificio in sé ma per lo straordinario panorama che lo circonda, con un imponente cono vulcanico che si erge fiero stagliandosi contro il cielo.

A pochi passi dalla Casa de los Coroneles si trova il Centro de Arte Canario Casa Mane, che ospita esposizioni di artisti canari. Tra le mostre permanenti vi sono le opere di Alberto Manrique.

Bentacuria, l'antica capitale di Fuerteventura


Bentacuria, l'antica capitale di Fuerteventura
Il centro di Bentacuria
Bentacuria rappresenta il fulcro storico di Fuerteventura. La città deve il suo nome al conquistatore normanno che la fondò nel 1404: Jean de Bethencourt. Trovandoci in un'isola, sorprende che il primo nucleo abitato si trovi in una posizione così remota e lontana dalle coste. In effetti per raggiungere Bentacuria bisogna percorrere una strada che risale i promontori più alti di Fuerteventura e ridiscendere poi in una valle che sembra voler proteggere la cittadina. Il motivo è presto spiegato: all'epoca abitare le coste era molto pericoloso per via dei continui attacchi dei pirati, i primi conquistatori scelsero quindi un luogo riparato e difficilmente accessibile.
Bentacuria ha oggi perso l'importanza strategica di un tempo ed è una graziosa cittadina, ordinata e ben tenuta, frequentata dai turisti che decidono di lasciare per un giorno la spiagge e spingersi nell'entroterra. Il centro storico è un vero gioiello, con le case imbiancate a calce e le vie acciottolate. Ci sono numerosi negozi di souvenir e ristoranti che rendono la visita piacevole, anche se i prezzi non sono particolarmente economici. Anche qui, parte della magia è data dal paesaggio che circonda il centro storico, un alternarsi di distese vuote e piccole oasi di verde che ci ricordano che siamo nel cuore di un'isola a pochi chilometri dalle coste africane.

You Might Also Like

2 comments

  1. Cara Silvia, belle, ma che sono bellissime!!!
    Non sono mai stato ha Fuerteventura, ma ha Gran Canaria, e posso dire che hanno un entroterra spettacolare, e poi ci sono tanti modi per distrarsi e fare vacanze rilassanti.
    Ciao e buona giornata cara amica con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, grazie per gli apprezzamenti sulle foto! Anche Gran Canaria ha una natura stupenda!

      Elimina

Follow on Facebook

Bloglovin'

Follow

Subscribe