Portogruaro tra acqua, mulini e grazia veneziana

giovedì, maggio 05, 2016

Portogruaro

Portogruaro, con i suoi canali, i ponti e i cortili nascosti ricorda un po’ Venezia, che dista appena cinquanta chilometri. 

Un tempo trafficato porto sul fiume Lemene, la fortuna di Portogruaro gravitava attorno alla Repubblica Serenissima di cui era città satellite e con cui intrecciava fiorenti traffici commerciali.
Oggi i canali si sono svuotati dalle imbarcazioni mercantili e a solcarne le placide acque sono piccole imbarcazioni moderne o nostalgiche gondole colorate che concorrono a creare un piacevole quadro urbano.

Cosa vedere e dove alloggiare a Portogruaro


Entrati in città attraverso una delle tre porte delle antiche mura, la somiglianza con Venezia appare subito evidente nei tanti eleganti edifici con bifore e trifore che ricordano i palazzi della Serenissima. Ma lo stile architettonico della città ha saputo anche rinnovarsi e andare oltre quello più tipicamente veneziano, e i lungi portici che cingono le vie del centro, di epoca più recente, ne sono testimonianza.
Merlature ghibelline sono invece quelle che incorniciano il Municipio, che si innalza fiero sulla piazza principale, teatro cittadino che ospita altri emblemi come il medievale Duomo di Sant’Andrea e la Torre Campanaria. Quest’ultima è di gran lunga l’edificio più scrutato e chiacchierato della città per la sua incredibile pendenza, visibile ad occhio nudo.

Gli antichi mulini


Portogruaro
I mulini di Sant'Andrea
L’orizzonte di Portogruaro non è cinto solamente da sontuosi palazzi veneziani e torri pendenti. La cittadina vanta un’attrazione particolare. I Mulini di Sant’Andrea sono senza dubbio uno degli scorci più romantici e bucolici della città, con le loro candide facciate che si specchiano nelle quiete acque del Lemene. Oggi completamente ristrutturati, sono stati convertiti in spazi culturali dove vengono allestite mostre ed esposizioni. 
La compresenza di diversi registri stilistici, dall'eleganza di palazzi nobiliari alla semplicità dei mulini, è uno degli elementi principali che concorre alla bellezza di Portogruaro, che nel suo raccolto centro riassume epoche architettoniche diverse creando una narrazione storica e artistica a più voci.
Un’ottima soluzione per l’alloggio è l’Hotel Spessotto, che si trova proprio accanto ai mulini e a pochi passi dal centro storico. L’hotel mette a disposizione degli ospiti delle biciclette per esplorare la città e i dintorni, magari percorrendo uno dei sentieri storico-naturalistici che si dipanano lungo gli argini del fiume. Il ristorante dell’hotel è inoltre rinomato per l’ottima cucina, risultato del sapiente incontro tra ricette della tradizione locale e innovazione culinaria.

Eventi e manifestazioni a Portogruaro 

Tra le tante manifestazioni culturali ed enogastronomiche che periodicamente animano il centro di Portogruaro, la più famosa è senza dubbio “Terre dei Dogi in Festa”, una rassegna gastronomica della Venezia orientale che ha luogo in primavera, tra aprile e maggio. Lo scopo della manifestazione è mettere in risalto il patrimonio vinicolo della Strada dei Vini di Lison Pramaggiore, compresa nelle valli tra i fiumi Tagliamento e Livenza. Oltre alle cantine aperte che propongono degustazioni dei loro vini, centinaia di espositori presentano la cucina tipica del territorio. Una ghiotta occasione per visitare la città!
Anche la stagione invernale può rappresentare un ottimo momento per venire a Portogruaro, magari in occasione della Fiera di Sant’Andrea, durante la quale ristoranti e taverne del centro servono l’oca, un tempo merce di scambio tra contadini e Doge. Di nuovo un retaggio del passato di satellite della Serenissima che rimane parte delle tradizioni e della vita cittadina, a dimostrazione di come l’antico legame con Venezia e l’animo popolare della città rimangano elementi fondanti del carattere di Portogruaro.

La storia in riva al fiume

Concordia Sagittaria
Concordia Sagittaria  - copyright turismovenezia.it

L’acqua è un altro elemento chiave di Portogruaro, la cui fortuna è legata a quella del fiume Lemene che l’attraversa. Proprio lungo il fiume si dipanano itinerari storici di grande interesse, che possono essere percorsi in bicicletta, seguendo gli argini, o in barca con uno dei tanti tour organizzati. Una delle tappe immancabili è Concordia Sagittaria. Fondata del 42 a.C. con il nome di Iulia Concordia, questa piccola cittadina conserva interessanti monumenti come la Cattedrale romanica del X secolo, museo essa stessa dal momento che al suo interno si trovano sarcofagi di epoca romana. La vera attrazione, però, è rappresentata dagli scavi della Basilica Apostolorum del IV sec, aperti di recente al pubblico, testimonianza storica di grandissimo pregio che aggiunge valore al già prezioso patrimonio artistico del territorio.

You Might Also Like

0 comments

Follow on Facebook

Bloglovin'

Follow

Subscribe