Vico del Gargano: di antichi frantoi e baci rubati

martedì, giugno 02, 2015

Il centro storico di Vico del Gargano ha conservato l'impianto medievale originale  e si presenta come un labirinto di stretti vicoli, ripide strade ed arcate di una tale bellezza da aver meritato il titolo di uno dei borghi più belli d'Italia.

L'antico borgo di Vico del Gargano

Vico del Gargano
Panni stesi al sole nel centro di Vico
Al borgo medievale  si accede da una dei varchi di ingresso lungo le mura: una volta dentro inutile tentare di orientarsi, meglio lasciare che siano le vie stesse a condurre nei angoli più suggestivi del borgo.
Il centro è ancora abitato e non è raro vedere i panni che sventolano al sole o qualche abitante che si aggira per le vie, ma in generale il borgo è abbastanza sonnolento, distante dal via vai e dal traffico che imperano nel centro moderno, distante solo poche centinaia di metri.
A rendere speciale il borgo è anche la posizione: Vico del Gargano sorge sull'alto di una collina, circondata da promontori ricoperti di agrumeti e oliveti.
Girovagando tra gli stretti vicoli del centro, è facile sbucare sulla via più esterna che cinge l'intero perimetro dell'abitato, da dove si possono ammirare le colline rigogliose tutt'intorno.

All'interno del borgo si possono ammirare i resti dell'antico Castello Normanno, dimora di svaghi per i cortigiani e probabilmente per lo stesso Federico II. Della struttura originale oggi si possono vedere un torrione quadrangolare ed alcune camere con volta ogivale.

Il Museo del Trappeto


Proprio in Piazza Castello Normanno si può visitare questo interessate museo, allestito all'interno di un antico frantoio trecentesco scavato nella roccia: l'ambientazione da sola vale la visita!
All'interno vengono illustrate le diverse fasi di produzione dell'olio d'oliva.

Il Vicolo del Bacio


Vico del Gargano
Tra le vie di Vico
Molte delle vie del borgo hanno nomi evocativi ma questo certamente è il più romantico: si dice che i baci dati (o rubati!) qui portino fortuna! Per questo gli innamorati vi lasciano lettere, scritte e promesse d'amore, che colorano l'ambientazione. Per chi come me vive poco distante da Verona e dal famoso Balcone di Giulietta, è un po' come sentirsi a casa!
Il vicolo si trova di fronte alla Chiesa di San Giuseppe.

Cosa mangiare a Vico del Gargano

Per iniziare la giornata con dolcezza, l'indirizzo giusto è Pizzicato, una pasticceria sulla piazza principale del paese nuovo, conosciuta in tutto il Gargano per i dolci e le deliziose brioche.
Il locale è molto apprezzato anche per gli aperitivi che sono sempre accompagnati da un tripudio di bontà ed assaggi sfiziosi!

Vico è la patria della paposcia, una ciabatta farcita molto gustosa. In città ci sono vari posti dove assaggiarla; lasciatevi consigliare dai gestori su quale farcitura scegliere.

Se volete degustare le specialità del Gargano in un ambiente speciale, optate per il ristorante Il Trappeto, nel cuore del borgo medievale di Vico, ricavato da un antico frantoio. L'interno è rustico ed intimo,  ma con un tocco di modernità. Perfetto per una serata speciale all'insegna dei sapori pugliesi!

You Might Also Like

0 comments

Diventa fan su Facebook

Bloglovin'

Follow

Subscribe