Amburgo, una metropoli sull'acqua

venerdì, gennaio 09, 2015

Mi sorprendo ad avere nostalgia di Amburgo molto più di quanto avrei mai immaginato, così come ad appena un giorno dal mio arrivo mi sono sorpresa ad esserne affascinata come mai avrei pensato. Ciò che mi ha subito colpita di Amburgo è il suo essere diversa, lontana dallo stereotipo delle città tedesche che già conoscevo. 
Il carattere internazionale di Amburgo è talmente marcato da far quasi dimenticare che si è in Germania; all'inizio ho provato a paragonarla alle città danesi o scandinave, ma presto ho capito che i confronti avevano poco senso, perché Amburgo ha una sua identità ben precisa, un carattere forte e indipendente forgiato sin dal Medioevo, quando alla città furono concessi diritti di libero scambio e l'esenzione dai dazi doganali.
E' in questo fatto storico che risiede la trasformazione dell'antica roccaforte carolingia, Hammaburg, in un importante e fiorente porto mercantile e uno dei principali membri della Lega Anseatica. Un'ascesa costante che perdurò senza sosta fino al terribile incendio del 1842 che bruciò la città per quattro giorni radendo al suolo un terzo degli edifici, ma da cui il suo spirito di intraprendenza riemerse più determinato di prima. Lo stesso spirito con cui si risollevò dalla distruzione lasciata dalla Seconda Guerra Mondiale, quando si fece artefice del grande Wirtschaftswunder, il miracolo economico. 
Ancora oggi Amburgo rimane ambiziosa: la seconda città della Germania e la più ricca, il principale polo editoriale del paese (qui hanno sede 15 delle 20 più importanti testate giornalistiche tedesche), il secondo porto d'Europa. 
Lungo il porto

Amburgo parla la lingua del commercio marittimo, fervente e continuo, che ne proietta i confini oltre quelli geografici rendendola un ponte sul resto del mondo; parla la lingua dell'informazione, grandi nomi di testate come Die Zeit, Der Spiegel e Stern che sono sinonimo di autorevolezza e giornalismo d'autore.

La città mi aveva incuriosita ancora prima di metterci piede perché trovavo singolare che tutte le guide turistiche lette per prepararmi al viaggio indicassero il porto come principale attrattiva. Solitamente i porti mercantili sono zone poco accoglienti se non addirittura squallide, popolate di enormi gru e container, luoghi che rimangono esclusi dai classici percorsi turistici. 
Amburgo invece sul porto non solo ha costruito il suo passato ma ha scommesso il suo futuro e l'ha reso luogo di lavoro e al contempo spazio urbano innovativo e moderno. E' proprio da qui che bisogna iniziare ad esplorare la città, dal suo cuore pulsante che batte al ritmo delle navi cariche di container che attraccano e salpano senza sosta. Passeggiando lungo le banchine di Landungsbruecke, il molo dove sono ormeggiati i barconi per turisti, si ha una visione d'insieme che mostra come porto mercantile e quartiere urbano convivano in maniera naturale, e mentre lungo il molo si può pranzare con un piatto di fish and chips o acquistare un biglietto per le crociere sulle Barkassen, a pochi metri le attività navali e commerciali continuano a ritmo serrato.
Amburgo ha saputo rendere il porto un luogo piacevole tanto da sottrarne una parte alla zona mercantile per creare un nuovo avveniristico quartiere, Hafen City, ancora in fase di costruzione e i cui lavori dovrebbero terminare nel 2020. 
Una città del 21° secolo, oltre 120 ettari di terra su cui sorgono e sorgeranno uffici, ristoranti, parchi, piazze e lunghe promenades sull'acqua. Un progetto ambizioso per una città che dal Medioevo in poi non ha mai smesso di sognare in grande.

Speichstadt

Alle spalle di HafenCity sorge uno dei luoghi più incredibili e speciali di Amburgo, lo Speicherstadt: un complesso di enormi edifici in mattoni rossi, un tempo magazzini di stoccaggio, che oggi ospita musei, spazi espositivi, locali, ristoranti etnici e di tendenza ed uffici. Di nuovo un grande progetto di riqualificazione urbana che ha fatto risorgere un'area storica della città trasformandola in uno dei suoi landmark più significativi. 
Passeggiando per lo Speicherstadt si percepisce chiaramente come Amburgo sia una città sull'acqua: gli edifici affacciano su un infinito intrico di canali, i fleet, collegati tra loro da un labirinto di ponti; pensate che Amburgo ha più ponti di Venezia!
Modernità, eleganza, carattere indomito, internazionalità, sono tutte caratteristiche che definiscono Amburgo, una metropoli nata dall'acqua e che nell'acqua vede riflesso il suo futuro.




You Might Also Like

8 comments

  1. Silvia! Ma è bellissimo! Ti confesso di avere sempre un po' di ansia quando qualcuno mi chiede di Amburgo perché ho paura non riesca a capirla. Non è la classica bellezza, è qualcosa di più che va cercata nei suoi canali e, sicuramente, nel porto. Grazie per questo bellissimo articolo, completo ed emozionante (per me!). Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia, le tue parole mi fanno tanto piacere! Amburgo si è rivelata una meta molto più interessante di quanto pensassi. Una scelta perfetta quindi e una grande sorpresa per me che sono sempre un po' prevenuta verso le città tedesche (forse perché le associo alle tante ore dedicate allo studio del tedesco!). Qui ho trovato lo spirito internazionale che cerco e apprezzo nelle grandi metropoli. Grazie mille per le dritte, utilissime, e comunque voglio tornarci per vederla ancora meglio!

      Elimina
  2. Qualche annetto fa sono stata ad Amburgo per circa 4 giorni ma, devo essere sincera, non mi è piaciuta più i tanto. La zona che ho trovato più interessante è stata senza dubbio quella del porto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, naturalmente ogni meta è soggettiva e colpisce l'interesse di chi la visita in maniera diversa. Il bello del viaggio è anche la percezione diversa che ne ha ogni viaggiatore.

      Elimina
  3. Non sono mai stata ad Amburgo e non ho mai pensato di andarea d Amburgo ma nel leggere le tue parole e nel vedere le tue fotogarfie...wooow può solo venire una gran voglia di andare a conoscere questa città tedesca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta, you made my day!! Le tue parole mi riempiono di gioia perché lo scopo del blog è proprio quello di coinvolgere e nel mio piccolo dare suggerimenti per nuovi viaggi, magari in posti che uno prima non avrebbe mai preso in considerazione. Quindi grazie per questo tuo commento! Ti confesso che prima di partire nemmeno io avevo mai considerato più di tanto Amburgo, poi una tariffa promozionale di Deutsche Bahn unita alla raccolta di informazioni mi hanno messo curiosità, e col senno di poi sono proprio contenta di aver scoperto una città che prima consideravo poco interessante. Presto continuerò il racconto con altre mete interessanti che offre la città.

      Elimina
  4. Milano invece parla a vanvera di città d'acqua senza saperne nulla, con progetti che fanno il paio con la Roma imperiale di Mussolini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che a Milano per l'Expo avevano promesso la riqualificazione di aree con canali ma poco è stato fatto, non conosco la situazione precisa ma ti posso assicurare che quello che ho visto ad Amburgo è qualcosa di straordinario: hanno riqualificato un'area degradata trasformandola in una delle zone più cool della città! Esempi da cui imparare!

      Elimina

Follow on Facebook

Bloglovin'

Follow

Subscribe